Riforma del lavoro, il nodo articolo 18 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Riforma del lavoro, il nodo articolo 18

di Carlo Buttaroni

Forse è un segno dei tempi che un governo “tecnico” disegni una riforma – quella del mercato del lavoro – che più politica non si può. E le implicazioni sociali ed economiche non hanno certo contorni vaghi e indefiniti; gli indirizzi del Presidente del Consiglio sono precisi: nel breve, medio e lungo periodo. Piaccia o no, è così.
E dopo gli anni della convivenza del tutto con il suo contrario, degli annunci, dei rinvii e delle riforme di cui si è persa traccia, il merito della chiarezza va riconosciuto. E’ evidente, però, il cambio di registro degli ultimi mesi. Come ha ricordato Claudio Sardo sull’Unità, il mandato conferito a Monti era di affrontare l’emergenza economica nel segno della massima unità possibile. Regole d’ingaggio non scritte ma sussurrate, che avevano consegnato a Mario Monti la maggioranza più ampia della storia della Repubblica. Un conferimento che, nella sua impostazione iniziale, suggeriva cautela, soprattutto nell’affrontare questioni politiche ad alto rischio di generare turbolenze e instabilità. Il Presidente del Consiglio – pur debole di una maggioranza innaturale, tale solo per necessità e in grado di sostenerlo evitando scossoni troppo forti – ha scelto, invece, di lanciare una sfida ad ampio raggio, che costringe le forze di maggioranza ad alzarsi dalla panchina e a scendere in campo. Ora, è inevitabile: tutti dovranno fare chiarezza e dire da che parte stanno. A cominciare dal PD e dal PDL.
Le risposte dei partiti non si sono fatte attendere. Con Bersani: “Molte cose di questa riforma del lavoro le appoggiamo, altre no. Ma sia chiaro che quando si arriverà al dunque il Partito Democratico starà dalla parte dei lavoratori”. Con Alfano: “O si accetta il punto di equilibrio trovato dal governo dopo settimane o, se si lavora a qualche modifica, non si può immaginare che siano di un solo colore”. Con Di Pietro: “Dal governo una dichiarazione di guerra guerreggiata ai lavoratori e ai giovani”. Con Casini: “C’è una riforma complessiva e importante del mercato del lavoro, che sicuramente migliora la situazione”.
La scelta del terreno di gioco, probabilmente, non è stata casuale. Perché è proprio sul campo delle riforme che riguardano il mercato del lavoro che molti protagonisti saranno costretti a scegliere in quale squadra giocare e che ruolo ricoprire.
Quel “salvo intese”, a corollario della riforma tratteggiata dal Governo, non è una porta socchiusa a possibili aggiustamenti. E’ lo stesso Monti a chiarirlo: “Nessuno può pensare che la formula ‘salvo intese’ possa rappresentare un viatico per mettere le mani sul testo appena varato”.
La stessa scelta di affidare la riforma a un disegno di legge non è stata dettata dal recupero di una qualche forma di cautela. E’ stato, invece, l’incipit di una partita la cui fine coinciderà con le prossime elezioni politiche, quando Parlamento e Governo assumeranno le forme della terza Repubblica.
La riforma del mercato del lavoro segna, quindi, lo spartiacque tra un governo tecnico e un governo politico, senza sovrapposizioni e mediazioni.
Una svolta con il passato nei metodi e nei contenuti. Nel metodo perché manda definitivamente in soffitta la concertazione e il patto che – da Ciampi in poi – conferiva alle parti sociali un ruolo decisivo nelle scelte che riguardavano le politiche del lavoro e del welfare. Monti e la Fornero hanno sostenuto che il metodo della concertazione non era più praticabile nelle forme del ’93 perché i sindacati non avrebbero comunque sottoscritto l’accordo. Probabilmente è vero, ma andare avanti, ponendo fine alla concertazione, è stata una scelta politica, non tecnica.
Così come politiche – e non tecniche – sono state le scelte di contenuto. A cominciare dalla rimozione della norma-simbolo dello Statuto dei Lavoratori: l’articolo 18. La disciplina, cioè, che garantisce, a chi viene licenziato senza giusta causa, il reintegro nel posto di lavoro nelle aziende con più di 15 dipendenti. Al suo posto andranno tutele più generiche e ad ampio spettro discrezionale. Ed è indicativa, in tal senso, la dichiarazione dello stesso Premier rispetto al rischio di licenziamenti basati su motivazioni diverse da quelle previste nel perimetro della riforma. “Vigileremo” ha detto Monti. Una risposta che derubrica il tema nella categoria “quisquilie”, perché è evidente che un sistema giuridico deve poggiare su norme vincolanti e inderogabili, e non su vaghe forme di vigilanza sanzionate da rimbrotti di natura morale. E la dice lunga anche sul modello che ha ispirato la riforma. Per essere chiari, dovrebbe andar bene alla Fiat di Marchionne, piuttosto che al modello di fabbrica al quale si ispirava e aspirava, negli anni cinquanta, Adriano Olivetti.
Probabilmente, nell’economia generale della riforma, era utile ma non indispensabile sottrarre alla disciplina dell’articolo 18 il contenzioso tra lavoratori e imprese in materia di licenziamenti. Non era indispensabile perché, di fatto, non risolve i problemi che rendono difficile l’ingresso nel mondo del lavoro stabile. Mentre è molto più importante, in tal senso, il riequilibrio, previsto dalla riforma, tra i costi del lavoro a tempo indeterminato e determinato. Quest’ultimo diventa più oneroso e limitato nel tempo, giacché le imprese potranno farne ricorso soltanto fino a un massimo di tre anni.
Oltretutto, cancellare l’articolo 18 non servirà a dare slancio al sistema Italia, perché la norma riguarda soltanto il 3% delle imprese (ma quasi la metà degli occupati) mentre il restante 97% è soffocato dalla concorrenza sleale, dalla burocrazia, dalle tasse, dalla stretta creditizia e dai ritardati pagamenti, soprattutto da parte della pubblica amministrazione. Alla miriade di piccole e piccolissime imprese, che costituiscono la struttura economica e produttiva del nostro Paese, serve ben altro. Banche e Governo in primis: le prime ridando fiducia agli operatori economici e alle famiglie, il secondo riducendo il peso della burocrazia e immettendo valore nel sistema con investimenti che aiutino concretamente il Paese a ripartire, cominciando dai consumi interni.
Per questi motivi, cancellare il simbolo dello Statuto dei Lavoratori ha un valore più politico che di cifra economica all’interno dell’impianto della riforma. La stessa ragione che probabilmente ha portato Monti a non accogliere la disponibilità dei sindacati sul tema della flessibilità in uscita. Disponibilità che riguardava l’adozione del modello tedesco e che affida al giudice la scelta tra reintegro e indennizzo, qualora il licenziamento per motivi economici si rivelasse immotivato.
Ma il connotato politico è anche un altro e, probabilmente, il più importante. Con la riforma cambierà completamente il focus della regolamentazione, che non sarà più sui lavoratori ma incentrato prevalentemente sul rapporto tra offerta e domanda. Ed è questo il cambio di prospettiva della riforma Monti-Fornero.
Una riforma che contiene aspetti indubbiamente innovativi e positivi, soprattutto nel momento in cui disincentiva il ricorso al lavoro precario da parte delle imprese e rende finalmente performanti i percorsi formativi. Sistema che, però, nell’impostazione complessiva, si dispone sul modello anglosassone piuttosto che su quello europeo, in particolare quello tedesco, che in un primo momento sembrava dovesse ispirare il testo in discussione. La riforma cambia i paradigmi che hanno fin qui regolato il rapporto tra mondo del lavoro e impresa, spostando a livello aziendale il piano della relazione e invertendo la direzione di marcia che aveva portato le imprese minori a organizzarsi localmente come se fossero una sola grande impresa e quelle maggiori ad articolarsi come se fossero un insieme di piccole realtà.
Il Parlamento dovrà decidere se scegliere un modello economico a metà tra gli Stati Uniti di Clinton e l’Inghilterra thatcheriana, oppure riorientarsi verso un sistema che ci avvicina alla Francia e alla Germania. Monti ha ragione quando dice che il testo è blindato: la riforma può accogliere piccoli aggiustamenti, ma non grandi cambiamenti che ne stravolgerebbero l’impianto e quindi gli effetti.
I partiti dovranno scegliere, pensando se è quello che serve all’Italia e se il Paese ha una struttura economica adatta a ospitare una regolamentazione come quella varata dal Governo.
Il fischio d’inizio è stato dato. Adesso la politica dovrà giocare la sua partita più importante.

Questo articolo è stato pubblicato su l’Unità del 26 marzo. Di seguito l’indagine Tecnè.

 

Scrivi una replica

News

Ilo: «Italia peggiore nel G20 per salari reali, -12% da 2008»

I salari in Italia sono più bassi del 12% rispetto al 2008 in termini reali. E’ quanto emerge dal Global Wage Report 2022-23 presentato dall’Ilo,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giorgetti: «Centreremo gli obiettivi entro fine anno»

«In questi giorni, stiamo lavorando intensamente per conseguire i 55 obiettivi del II semestre 2022, per poter presentare a Bruxelles la terza richiesta di pagamento…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bonomi: «Per flat tax e prepensionamenti penalizzate le imprese»

«Le risorse mancate per gli investimenti delle imprese si devono anche al fatto che una parte delle risorse a disposizione, al netto degli interventi sull’energia,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce, Lagarde: «Fondamentale riportare l’inflazione al target 2%»

«La Bce, date le incertezze sull’economia globale e la volatilità dei prezzi, deve assicurare che in tutti gli scenari l’inflazione tornerà al nostro obiettivo velocemente».…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia