Pena di morte, Amnesty International: nel corso del 2011 sono state giustiziate almeno 676 persone | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pena di morte, Amnesty International: nel corso del 2011 sono state giustiziate almeno 676 persone

Sono “solo” 20 su 198 i paesi che nel 2011 ancora usavano la pena di morte per punire reati come adulterio, reati legati alla droga, alla blasfemia e alla sodomia. Nonostante questo i numeri rimangono comunque altissimi.
“Nel corso del 2011 sono state messe a morte almeno 676 persone mentre erano almeno 18.750, alla fine dell’anno, i prigionieri in attesa dell’esecuzione”, è quanto riporta il comunicato stampa di Amnesty International riguardante l’ultimo rapporto intitolato Rapporto annuale di Amnesty International sulla pena di morte: allarmante livello di esecuzioni nei pochi paesi che ancora uccidono.
I numeri maggiori si evidenziano nel Medio Oriente dove solo la Cina nel corso del 2011 ha eseguito, contando migliaia di decessi, più pene capitali di tutto il resto del mondo. Un numero alto di esecuzioni è stato registrato anche in Iran dove lo scorso anno sono state giustiziate almeno 380 persone, Arabia Saudita con almeno 82 esecuzioni, Iraq con almeno 68 e Yemen con almeno 41.

 

Scrivi una replica

News

Israele-Hamas, l’ottimismo di Biden su tregua non trova ancora sponde

L’ottimismo del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il quale ha auspicato un cessate il fuoco tra Israele e Hamas entro lunedì è stato presto…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, condannato a due anni e mezzo il dissidente Oleg Orlov

Il tribunale di Mosca ha condannato il dissidente russo Oleg Orlov, già copresidente della fondazione Memorial, premio Nobel per la pace nel 2022, a due…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Non ci sono piani per truppe Nato in Ucraina»

«Gli alleati della Nato stanno fornendo un sostegno senza precedenti all’Ucraina. Lo abbiamo fatto dal 2014 e lo abbiamo intensificato dopo l’invasione su vasta scala.…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mar Rosso, Crosetto: «Dai ribelli Houthi una minaccia alla sicurezza tout court»

«Non si tratta più solo della sicurezza dei trasporti navali ma della sicurezza tout court, visto che pare le intenzioni degli Houthi siano quelle di…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia