Alitalia, il Tribunale dell’Unione Europea giudica illegale il prestito del 2008 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Alitalia, il Tribunale dell’Unione Europea giudica illegale il prestito del 2008

Il Tribunale dell?unione Europea ha giudicato illegittimo il prestito fatto dallo Stato Italiano ad Alitalia ma ha legittimato la vendita dei beni della compagnia aerea.
Nel 2008, due anni dopo la privatizzazione, lo Stato ha concesso ad Alitalia un prestito di 300 milioni di euro, facendo si che la compagnia aerea imputasse tale somma come suo conto capitale.
Appunto a causa della privatizzazione Bruxelles ha stabilito che il prestito è stato illegale conferiva un vantaggio economico a spese statali, che avrebbe dovuto concedere un investitore privato.

 

Scrivi una replica

News

M.O., Tajani: «Italia vuole riconoscere lo Stato palestinese»

L’Italia «vuole riconoscere lo Stato di palestinese e al premier dell’autorità palestinese, venuto in visita nel nostro Paese sabato come prima tappa della sua missione…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

«In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà»

In Italia circa un giovane tra i 15 e i 16 anni su dieci vive in condizione di povertà. Si tratta di 100mila, tra ragazzi…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato del lavoro, nell’Eurozona tasso di disoccupazione al 6,4%

Ad aprile, il tasso di disoccupazione destagionalizzato dell’area euro si è attestato al 6,4%, in calo rispetto al 6,5% di marzo 2024. Nell’Ue, invece, l’indicatore è rimasto stabile…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nel 2021 l’Ue è stata la terza economia mondiale, dopo Cina e USA

Secondo quanto emerso dal Programma di confronto internazionale (ICP) nel 2021, il Prodotto Interno Lordo dell’UE rappresentava il 15,2% del PIL mondiale se espresso in standard di potere d’acquisto (SPA). La più…

30 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia