Alitalia, il Tribunale dell’Unione Europea giudica illegale il prestito del 2008 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Alitalia, il Tribunale dell’Unione Europea giudica illegale il prestito del 2008

Il Tribunale dell?unione Europea ha giudicato illegittimo il prestito fatto dallo Stato Italiano ad Alitalia ma ha legittimato la vendita dei beni della compagnia aerea.
Nel 2008, due anni dopo la privatizzazione, lo Stato ha concesso ad Alitalia un prestito di 300 milioni di euro, facendo si che la compagnia aerea imputasse tale somma come suo conto capitale.
Appunto a causa della privatizzazione Bruxelles ha stabilito che il prestito è stato illegale conferiva un vantaggio economico a spese statali, che avrebbe dovuto concedere un investitore privato.

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, il deputato britannico David Amess è stato ucciso a coltellate durante un incontro con gli elettori

Un deputato della maggioranza Tory che sostiene il governo britannico di Boris Johnson, il 69enne David Amess, è stato oggi ucciso da un uomo, che…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, via libera del Cdm al dl Fisco

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto fiscale. Lo riferiscono le agenzie di stampa, citando fonti governative, a riunione ancora in corso. Tensione sul…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Financial Times: “Cinque Paesi Ue pronti alla guerra commerciale con la Gran Bretagna”

“Italia, Francia, Germania, Spagna e Paesi Bassi hanno incontrato in settimana il vicepresidente della Commissione europea, Maros Sefcovic, negoziatore post Brexit per l’Ue, per chiedergli…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gruppo Stellantis, immatricolazioni in calo del 30,4% a settembre

Secondo i dati dell’Acea (associazione dei costruttori europei), le immatricolazioni del gruppo Stellantis, nell’Unione europea, Paesi Efta e Regno Unito sono state a settembre 179.117,…

15 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia