Aumentate del 20% le domande di asilo nel 2011 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Aumentate del 20% le domande di asilo nel 2011

di Raffaella Caroni

L’agenzia dell’Onu per i rifugiati (Unhcr) ha pubblicato il Rapporto Asylum Levels and Trends in Industrialized Countries che raccoglie i dati delle richieste di asilo nei Paesi industrializzati, prendendo in considerazione i dati di 44 Paesi in Europa, Nordamerica, Australia e Asia.
Le stime che emergono dal Rapporto rilevano una crescita ulteriore della richiesta di domande di asilo circa del 20% rispetto al 2010: si è passati infatti da 368 mila domande di asilo registrate alle 441.300 del 2011.
L’87% delle domande di asilo ha riguardato i Paesi dell’Europa meridionale: tra questi in particolare l’Italia e Malta rappresentano le mete più probabili a causa degli arrivi via mare.
Il fattore scatenante, sostiene l’Agenzia Onu, sarebbe determinato dalla “primavera araba”: si stima che nel nostro Paese le richieste di asilo di cittadini provenienti dal Corno d’Africa e dall’Africa Subsahariana siano state oltre 36 mila, numeri in rialzo rispetto al precedente anno e che potrebbe attribuirsi alle linee restrittive attuate nel Canale di Sicilia tra Italia e Libia.
“Il gran numero di domande d’asilo mostra chiaramente che il 2011 è stato un anno molto difficile per molte persone”, ha dichiarato l’Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Antonio Guterrez. “Pertanto – ha quindi aggiunto – occorre mettere queste cifre in prospettiva. Il numero delle domande d’asilo ricevute in tutti i paesi industrializzati resta inferiore al numero della sola popolazione di Dadaab, una campo profughi del nord-est del Kenya”.
I Paesi europei hanno registrato 327.200 domande d’asilo, più che ogni altra regione, con un aumento del 19% rispetto al 2010. In America settentrionale sono state 99.400 le domande, mentre il Giappone e la Repubblica di Corea hanno raccolto 2.900 domande (un aumento pari al 77% rispetto al 2010). Nei paesi Nordici e in Australasia, al contrario, il numero di richiedenti è diminuito rispettivamente del 10% (47.500 domande) e del 9% (11.800).

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Austin: «Se Kiev cade, la Nato entrerà in guerra con Mosca»

«Se l’Ucraina cade, credo davvero che la Nato entrerà in guerra con la Russia». Questa la convinzione del segretario statunitense alla Difesa, Lloyd Austin, espressa…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Israele-Hamas, ora si teme uno stop ai negoziati

L’indomani della strage in cui almeno 112 palestinesi sono morti e in centinaia sono rimasti feriti mentre aspettavano gli aiuti alimentari a Gaza, ci si…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, in migliaia per l’ultimo saluto a Navalny

Code fuori la chiesa dell’icona della Madre di Dio di Mosca, in migliaia per l’ultimo saluto, imponente schieramento di polizia fin dalla mattina, applausi. E…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

A febbraio comparto manifatturiero italiano in contrazione

A febbraio il comparto manifatturiero italiano ha registrato l’undicesima contrazione consecutiva: l’indice Hboc Global Purchasing Managers’ Index (Pmi) per il settore manifatturiero italiano è salito…

1 Mar 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia