Anche il calcio soffre la crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Anche il calcio soffre la crisi

di Mirko Spadoni

Se guardiamo i bilanci dei club della serie A, si capisce che la situazione non è delle migliori. Il debito complessivo delle società della massima serie, infatti, continua a crescere. Nel 2010-2011, l’indebitamento è salito a 2,6 miliardi di euro, il 14% in più rispetto all’anno precedente. Lo riferisce “Report Calcio 2012”, lo studio sulla situazione economica del calcio italiano presentato giovedì mattina nella sede dell’Abi a Roma, da Figc, Arel e PricewaterhouseCooperscon.
Ma scendiamo nel dettaglio e partiamo dai ricavi. I maggiori introiti della serie A derivano dalla vendita dei diritti radiotelevisivi che rappresentano il 55,6% dei ricavi di esercizio. I biglietti venduti, invece, garantiscono guadagni minori. Il rapporto riferisce addirittura di una contrazione: nel medesimo periodo la vendita dei biglietti ha garantito 253.008.182 milioni di euro contro i 275.473.538 della stagione precedente, una differenza di circa 22 milioni di euro, un calo pari a circa l’8,2%.
Si sottolineava come la situazione non sia delle migliori: sui 107 club analizzati solo 19 hanno riportato un utile. Poche quindi le società che chiudono i propri bilanci in attivo, in un mondo, quello del calcio professionistico italiano, che ha prodotto nel 2010-20 11 ben 2,5 miliardi di euro (-1,2% rispetto alla stagione precedente). Di questi 2,5 miliardi di euro, la serie A ha contributo generandone l’82% (nel 2009-2010 era l’84%), mentre salgono i ricavi prodotti dalla serie B che si attestano intorno al 14% (nella stagione precedente era l’11 %) e la Lega Pro il 4% (era il 5% nel 2009-2010).
Secondo il rapporto, aumenta anche il costo della produzione: 2,9 miliardi di euro (+1,5% rispetto al 2009 – 10). Salgono quindi i costi di produzione, ma se poi confrontiamo i dati del passato, capiamo come, nonostante tutto, nella passata stagione calcistica si sia verificato un rallentamento dei costi (nel 2009-2010 era del 6,8%, mentre nel 2008-2009 era del +6,4%).
Infine, spiega il rapporto presentato giovedì, è di 1 miliardo di euro l’apporto complessivo che il calcio professionistico del nostro Paese ha dato al fisco nel 2009. L’85% del totale (875 milioni) deriva dal contributo fiscale e previdenziale dei club, mentre i rimanenti 155 milioni di euro sono relativi al gettito erariale derivante dalle scommesse sul calcio.

 

Scrivi una replica

News

Birmania, uccisi altri sei protestanti

Durante le proteste antigolpe, l’esercito militare birmano ha ucciso altri 6 manifestanti, portando così a 12 i totale delle vittime dall’inizio delle proteste.…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Caso Navalny, Mosca: «Risponderemo alle nuove sanzioni Usa»

«La Russia risponderà alle nuove sanzioni Usa per il caso Navalny in base al principio di reciprocità, ma la reazione non sarà necessariamente simmetrica». Lo…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Biden: «Non bisogna abbassare la guardia»

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha comunicato che non è il momento per abbassare la guardia, dopo che Texas e Mississipi hanno annunciato…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Biden ritira la nomina del capo dell’ufficio budget

La Casa Bianca ha ritirato la nomina di Neera Tandem, come direttrice dell’Office of Management and Budget. Tandem aveva suscitato critiche di senatori di entrambi…

3 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia