La sfida degli editori a Google. Tassare gli articoli letti in rete | T-Mag | il magazine di Tecnè

La sfida degli editori a Google. Tassare gli articoli letti in rete

Germania e Italia stanno portando avanti il progetto, già promosso dal sindacato degli editori francesi, di tassare Google ogni qualvolta un articolo online viene letto attraverso il motore di ricerca.
L’iniziativa è frutto dello sconcerto degli editori in quanto ogni volta che un articolo viene letto, Google ci guadagna qualcosa al contrario degli editori che rimangono a bocca asciutta.
In una nota congiunta, diffusa da Fieg, Ipg, Bdzv e Vdz, si legge: “Gli editori italiani, francesi e tedeschi hanno deciso di avviare un’azione congiunta per la promozione e la tutela dei contenuti editoriali online.
Al fine di garantire lo sviluppo concorrenziale dell’attività di produzione di contenuti editoriali online e di assicurare a tutti i cittadini una informazione libera e di qualità, essi auspicano l’inserimento, nell’attuale quadro normativo dei rispettivi Paesi, di una disciplina che definisca un sistema di diritti di proprietà intellettuale idoneo ad incoraggiare su Internet forme di cooperazione virtuosa tra i titolari di diritti sui contenuti editoriali e gli operatori dell’industria digitale (in primo luogo, i motori di ricerca).
Gli editori italiani e francesi hanno deciso di agire di concerto, coordinando la propria azione di sensibilizzazione con quella dei colleghi tedeschi. Il tema della tutela dei contenuti editoriali e del riconoscimento agli editori di uno specifico diritto d’autore connesso alle attività di indicizzazione effettuate dai motori di ricerca diviene ora un problema urgente, comune a tre dei più grandi Paesi europei”.
Parte così una dura battaglia tra editori e motori di ricerca e la risposta di Google, il motore di ricerca per eccellenza, potrebbe essere quella di togliere gli articoli e i giornali online dai risultati.

 

Scrivi una replica

News

Israele-Hamas, l’ottimismo di Biden su tregua non trova ancora sponde

L’ottimismo del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il quale ha auspicato un cessate il fuoco tra Israele e Hamas entro lunedì è stato presto…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, condannato a due anni e mezzo il dissidente Oleg Orlov

Il tribunale di Mosca ha condannato il dissidente russo Oleg Orlov, già copresidente della fondazione Memorial, premio Nobel per la pace nel 2022, a due…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Non ci sono piani per truppe Nato in Ucraina»

«Gli alleati della Nato stanno fornendo un sostegno senza precedenti all’Ucraina. Lo abbiamo fatto dal 2014 e lo abbiamo intensificato dopo l’invasione su vasta scala.…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mar Rosso, Crosetto: «Dai ribelli Houthi una minaccia alla sicurezza tout court»

«Non si tratta più solo della sicurezza dei trasporti navali ma della sicurezza tout court, visto che pare le intenzioni degli Houthi siano quelle di…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia