Ma esiste in Italia una cultura “Rock”? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ma esiste in Italia una cultura “Rock”?

di Marco Simoncelli

Innanzitutto la cultura Rock in Italia non si è riuscita a diffondere come è accaduto in Inghilterra, negli Stati Uniti o anche come in altre nazioni europee come la Germania, e nei paesi nordici.
Le nostre tradizioni hanno mantenuto il predominio per quanto riguarda i gusti musicali e dimostrano di avere radici profonde. Il festival di Sanremo è l’esempio più evidente del mantenimento e della (ri)proposizione della canzone leggera italiana.
Tranne rari episodi in Italia non si è creata mai una vera e propria scena Rock. Le principali band italiane degli anni ‘70 sono state la PFM, il Banco del mutuo soccorso, gli Area, il Rovescio della medaglia, tutte provenienti dal Progressive Rock. Le band new wave degli anni ’80 sono state quelle toscane su tutte, Litfiba, Diaframma e Moda. Invece i C.C.C.P., poi C.S.I., hanno realizzato il miglior Punk di matrice italiana guidati dalla poetica ermetica e dalla voce tenebrosa di Giovanni Lindo Ferretti e le chitarre sporche di Canali e Zamboni. In seguito gruppi come i Ritmo Tribale, gli Afterhours, guidati dalla voce e dalla penna di Manuel Agnelli, una delle figure più credibili e carismatiche, i Marlene Kuntz di Cristiano Godano e i più recenti Verdena dei fratelli Ferrari, hanno raggiunto le vette più alte del nostro panorama.
Il Rock in Italia in qualche modo ha dovuto sempre fare i conti con la scena cantautoriale, che resta la più importante alternativa alla canzone leggera o Pop italiana. Gli esempi che indicano questa evidenza sono molteplici: i concerti di De Andrè con la PFM, la cover dello stesso poeta genovese, La canzone di Marinella realizzata dalla band di Agnelli e co., il passaggio dal Rock al cantautorale dei Marlene Kuntz. L’ispirazione di Alberto Ferrari dei Verdena, per il loro ultimo album Wow, diretta verso Lucio Battisti nel suo periodo di Anima latina. La cover di E ti vengo a cercare del cantautore Franco Battiato, realizzata dai C.S.I., Consorzio Suonatori Indipendenti, di Ferretti. Il Rock in Italia in qualche modo ha dovuto sempre fare i conti con la scena cantautoriale, che resta la più importante alternativa alla canzone leggera o Pop italiana. Probabilmente perché una scena Rock non è mai esista davvero. Alla base delle tradizioni ci sono i gusti e la cultura. La nostra sicuramente non parla un linguaggio Rock’n’Roll.

 

Scrivi una replica

News

Pnrr, Meloni: «Alla sinistra rispondiamo con i fatti»

«Ai catastrofismi di sinistra abbiamo risposto con fatti e risultati». Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, commenta così la valutazione di medio termine sul Pnrr,…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: «Non siamo in guerra con Mosca, ma non deve vincere»

«Noi lavoriamo per la pace e impedire che ci sia una vittoria della Russia, noi vogliamo una pace giusta che significa il rispetto del diritto…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Caso Assange, attesa per la decisione dei giudici su estradizione

C’è da attendere ancora un po’ prima di conoscere la decisione dei giudici sulla richiesta di estradizione dal Regno Unito agli Usa del cofondatore di…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Guerra a Gaza, Hamas: «Presto possibili progressi nei negoziati»

Progressi nei negoziati sul cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi potrebbero esserci presto. A sostenerlo è stato Musa Abu Marzouk, numero due dell’ufficio…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia