Istat, commercio estero extra Ue in aumento | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat, commercio estero extra Ue in aumento

“A ottobre, rispetto al mese precedente, si registra una crescita per entrambi i flussi commerciali: +0,7% per le esportazioni e +1,1% per le importazioni.
L’incremento congiunturale delle esportazioni riguarda energia (+6,2%) e beni strumentali (+3,4%), mentre beni di consumo e prodotti intermedi sono in diminuzione (rispettivamente -1,9% e -1,3%).
La crescita congiunturale delle importazioni interessa i principali raggruppamenti di beni, e in particolare quelli strumentali (+3,6%). I beni di consumo durevoli registrano una flessione (-2,9%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale delle esportazioni è positiva (+0,7%) ed è trainata dai beni di consumo non durevoli (+3,0%) e dai prodotti intermedi (+2,6%). L’energia (-2,8%) e i beni strumentali (-1,6%) registrano invece una variazione congiunturale negativa.
Sempre nell’ultimo trimestre, si rileva anche per le importazioni una crescita congiunturale (+1,5%), sostenuta dall’energia (+5,8%) e, in misura minore, dai beni di consumo non durevoli (+1,5%). I beni strumentali (-8,1%) sono in forte flessione.
Su base annua le esportazioni presentano un notevole incremento (+17,2%), che coinvolge tutti i principali comparti. La più contenuta crescita delle importazioni (+2,3%) è dovuta soprattutto all’energia (+7,8%), mentre i beni di consumo durevoli (-6,4%) registrano una marcata flessione.
A ottobre 2012 la bilancia commerciale con i paesi extra Ue registra un avanzo di 1,5 miliardi di euro, in netto miglioramento rispetto a ottobre 2011 (-657 milioni). Nello stesso mese migliora anche l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici, che passa da 4,4 a 6,7 miliardi.
Rispetto a ottobre 2011, i mercati più dinamici all’export sono: OPEC (+39,3%), Giappone (+31,6%), ASEAN (+30,3%), EDA (+23,1%), Russia (+22,0%) e Stati Uniti (+19,4%). In marcata flessione si confermano le vendite verso la Cina (-10,1%).
Gli acquisti di beni da OPEC (+19,4%), Turchia (+19,0%), Svizzera (+15,2%), Stati Uniti (+13,3%) e Russia (+4,8%) sono in espansione. I flussi di beni provenienti dai paesi MERCOSUR (-21,5%) registrano invece una netta diminuzione”, lo riporta un comunicato stampa dell’Istat.

 

Scrivi una replica

News

Pnrr, Meloni: «Alla sinistra rispondiamo con i fatti»

«Ai catastrofismi di sinistra abbiamo risposto con fatti e risultati». Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, commenta così la valutazione di medio termine sul Pnrr,…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: «Non siamo in guerra con Mosca, ma non deve vincere»

«Noi lavoriamo per la pace e impedire che ci sia una vittoria della Russia, noi vogliamo una pace giusta che significa il rispetto del diritto…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Caso Assange, attesa per la decisione dei giudici su estradizione

C’è da attendere ancora un po’ prima di conoscere la decisione dei giudici sulla richiesta di estradizione dal Regno Unito agli Usa del cofondatore di…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Guerra a Gaza, Hamas: «Presto possibili progressi nei negoziati»

Progressi nei negoziati sul cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi potrebbero esserci presto. A sostenerlo è stato Musa Abu Marzouk, numero due dell’ufficio…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia