Il mondo dice addio al “caudillo” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mondo dice addio al “caudillo”

Hugo Chàvez alla fine non ce l’ha fatta. Il presidente venezuelano, da tempo malato di cancro, è morto martedì 5 marzo alle 16.25 ora locale (in Italia erano le 22.55). Vista la caratura del personaggio, il suo ruolo e quanto ha fatto in vita, la scomparsa di Chàvez è inevitabilmente un evento di portata mondiale.
“In questo momento difficile – ha detto il presidente americano Barack Obama – gli Stati Uniti ribadiscono il loro sostegno al popolo venezuelano e il loro interesse a sviluppare un rapporto costruttivo con il governo del Venezuela. Gli Stati Uniti mantengono il loro impegno verso politiche volte a promuovere i principi democratici, il ruolo della legge e il rispetto dei diritti umani”.
Diversa la reazione dei leader dei Paesi che a differenza di Washington avevano stretto ottimi rapporti con il “caudillo”. Da Cuba, dove sono stati proclamati tre giorni di lutto nazionale, all’Iran, passando per le nazioni sudamericane.
“Il popolo cubano – ha detto Raul Castro – lo vedeva come uno dei suoi figli prediletti”. Toni simili a quelli del leader dell’isola caraibica sono stati usati da un altro storico alleato di Chàvez: Mahmud Ahmadinejad.
Chàvez, ha scritto il presidente iraniano in un messaggio inviato a Maduro, era un “simbolo della resistenza contro l’imperialismo e un martire per il bene della Nazione venezuelana”. Con la sua morte, il mondo perde “lo spirito di un grande uomo che ha sempre cercato la libertà e la giustizia. E’ ora in cielo”.
In Argentina, la presidente Cristina Fernandez de Kirchner ha deciso di sospendere ogni attività per poi recarsi a Caracas, dove parteciperà ai funerali del leader bolivariano.
“E’ morto – ha detto il capo dello Stato boliviano, Evo Morales – un compagno rivoluzionario, che ha lottato per l’America Latina, che ha dato la sua vita per la liberazione del continente” e che “continuerà a essere una fonte di ispirazione per chi lotta per l’America Latina. Sarà sempre con noi”.
Tra i leader “amici” del presidente venezuelano, decisamente più moderata è stata la reazione di Vladimir Putin. Chàvez, si legge nel telegramma inviato da Mosca a Caracas, era “un uomo non comune e forte che guardava nel futuro e ha sempre puntato al massimo per se stesso”.
“Chàvez – ha detto il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon – si è battuto per le aspirazioni e le sfide delle persone più vulnerabili, fornendo un impulso decisivo per i nuovi movimenti di integrazione regionale, pur mostrando solidarietà verso altre Nazioni del mondo”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello globale i contagi hanno superato i 266,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 266.660.144. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito: da oggi doppio tampone per i viaggiatori

Da oggi per chi viaggia nel Regno Unito (a partire dai 12 anni di età) entra in vigore il doppio tampone. Il test è da…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Austria: da lunedì stop a lockdown per i vaccinati

L’Austria conferma che da lunedì finirà il lockdown per i vaccinati e i guariti, mentre proseguirà per coloro che non si sono ancora sottoposti a…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Un tribunale egiziano ha ordinato la scarcerazione di Patrick Zaki

Patrick Zaki uscirà dal carcere. Lo ha deciso un tribunale egiziano. Secondo quanto riferito dal Corriere della Sera, la scarcerazione dovrebbe avvenire tra questa sera…

7 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia