Il mondo dice addio al “caudillo” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il mondo dice addio al “caudillo”

Hugo Chàvez alla fine non ce l’ha fatta. Il presidente venezuelano, da tempo malato di cancro, è morto martedì 5 marzo alle 16.25 ora locale (in Italia erano le 22.55). Vista la caratura del personaggio, il suo ruolo e quanto ha fatto in vita, la scomparsa di Chàvez è inevitabilmente un evento di portata mondiale.
“In questo momento difficile – ha detto il presidente americano Barack Obama – gli Stati Uniti ribadiscono il loro sostegno al popolo venezuelano e il loro interesse a sviluppare un rapporto costruttivo con il governo del Venezuela. Gli Stati Uniti mantengono il loro impegno verso politiche volte a promuovere i principi democratici, il ruolo della legge e il rispetto dei diritti umani”.
Diversa la reazione dei leader dei Paesi che a differenza di Washington avevano stretto ottimi rapporti con il “caudillo”. Da Cuba, dove sono stati proclamati tre giorni di lutto nazionale, all’Iran, passando per le nazioni sudamericane.
“Il popolo cubano – ha detto Raul Castro – lo vedeva come uno dei suoi figli prediletti”. Toni simili a quelli del leader dell’isola caraibica sono stati usati da un altro storico alleato di Chàvez: Mahmud Ahmadinejad.
Chàvez, ha scritto il presidente iraniano in un messaggio inviato a Maduro, era un “simbolo della resistenza contro l’imperialismo e un martire per il bene della Nazione venezuelana”. Con la sua morte, il mondo perde “lo spirito di un grande uomo che ha sempre cercato la libertà e la giustizia. E’ ora in cielo”.
In Argentina, la presidente Cristina Fernandez de Kirchner ha deciso di sospendere ogni attività per poi recarsi a Caracas, dove parteciperà ai funerali del leader bolivariano.
“E’ morto – ha detto il capo dello Stato boliviano, Evo Morales – un compagno rivoluzionario, che ha lottato per l’America Latina, che ha dato la sua vita per la liberazione del continente” e che “continuerà a essere una fonte di ispirazione per chi lotta per l’America Latina. Sarà sempre con noi”.
Tra i leader “amici” del presidente venezuelano, decisamente più moderata è stata la reazione di Vladimir Putin. Chàvez, si legge nel telegramma inviato da Mosca a Caracas, era “un uomo non comune e forte che guardava nel futuro e ha sempre puntato al massimo per se stesso”.
“Chàvez – ha detto il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-Moon – si è battuto per le aspirazioni e le sfide delle persone più vulnerabili, fornendo un impulso decisivo per i nuovi movimenti di integrazione regionale, pur mostrando solidarietà verso altre Nazioni del mondo”.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Tajani: «Aiutare Kiev significa lavorare per la pace»

«Aiutare l’Ucraina significa lavorare per la pace». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, aprendo la prima sessione del G7 a Capri. «Se…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Guterres: «C’è il rischio di un conflitto regionale»

«Negli ultimi giorni si è assistito a una pericolosa escalation, un errore di calcolo o un errore di comunicazione potrebbero portare all’impensabile, un conflitto regionale…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fine vita, governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna

La presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero della Salute hanno depositato il 12 aprile al Tar dell’Emilia-Romagna un ricorso contro la Regione per…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica. Lo sostiene una proiezione realizzata dall’Istituto tedesco di…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia