Gli italiani preferiscono internet e la tv | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli italiani preferiscono internet e la tv

tv pcAncora una volta, nonostante un sempre più facile utilizzo del web grazie al mobile, è la televisione il mezzo mediatico preferito dagli italiani per la fruizione delle informazioni. Secondo il Rapporto sull’Italia dell’Eurobarometro l’84% degli italiani guarda la televisione quotidianamente con gli apparecchi tv tradizionali a cui si aggiunge un 4% che segue i programmi online.
Relativamente bassa la percentuale di italiani che leggono il giornale tradizionale, 24%, contro il 37% della media europea.
Si attesta a 33 la percentuale di quanti in Italia ascoltano quotidianamente programmi radiofonici, mentre in Europa la media si attesta al 53%.
In confronto alle media europea risulta allarmante anche la fetta che riguarda quanti ammettono di essere poco informati sull’attualità europea: in Italia è il 74% contro il 68% della media Ue. Un dato in aumento rispetto al 2010, quando il livello si attestava al 66%.
Il 9% degli italiani afferma di non interessarsi minimamente all’attualità mentre più del doppio, il 20%, ammette di non interessarsi affatto alla politica europea. La colpa della scarsa conoscenza dei temi Ue non sembra però essere della televisione, almeno secondo il 52% degli intervistati, i quali ritengono che queste tematiche siano abbastanza coperte dalla tv. Al contrario, c’è un 34% che afferma che la tematica non sia affrontata in modo sufficiente mentre il 7% pensa che se ne parli addirittura troppo. Con il crescere della Rete, di conseguenza, cresce il numero di social media e il loro utilizzo. Oltre la metà degli italiani, il 51%, ritiene le reti sociali un modo innovativo per aggiornarsi sulla vita politica contro il 24% degli intervistati che si mostra invece scettico a riguardo. Basta pensare che il 25% degli intervistati accede quotidianamente alle reti sociali come Facebook o Twitter, percentuale più alta rispetto al 2010 quando si attestava al 15%.
Il 51% del campione ritiene i social media un mezzo per partecipare attivamente alla vita pubblica, e non solo per informarsi, mentre non la pensa così il 24% degli italiani. Nonostante un utilizzo sempre più diffuso, il 34% non rietiene di potersi fidare a pieno delle informazioni riguardanti la politica che circolano sui social network.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, la Corte Suprema ha abolito la sentenza che garantiva il diritto all’aborto

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha abolito la sentenza Roe v. Wade con cui nel 1973 la stessa Corte aveva reso legale l’aborto negli…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Grazie alle misure che si stanno pensando, non vi sarà un’emergenza energetica in inverno»

«Le misure che si stanno pensando assicurano che non vi sia emergenza» energetica «durante l’inverno». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in conferenza…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Siamo impegnati a proteggere e sostenere il potere d’acquisto degli italiani»

«Nell’area dell’euro, soprattutto a causa dei prezzi dell’energia e dell’inflazione, le previsioni sono di un rallentamento un po’ in tutti i Paesi. Noi siamo impegnati…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Quarantacinque località balneari italiane premiate con le 5 Vele da Legambiente e il Touring Club Italiano

Quest’anno Legambiente e il Touring Club Italiano hanno assegnato 45 Vele ad altrettante località balneari italiane. La Sardegna, con sei comprensori a Cinque Vele, la…

24 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia