Tra la folla: la speranza, poi la certezza | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tra la folla: la speranza, poi la certezza

di Rosalba Teodosio

papa_francesco“Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile”. Lo chiedeva il Santo d’Assisi, l’ha pregato il popolo di Dio nei giorni dell’attesa. Che arrivasse l’uomo del nuovo e compisse quell’impossibile ormai necessario.
La speranza, poi la certezza.
C’ero anch’io ieri nella piazza di Pietro, sotto la pioggia battente e i colori degli ombrelli aperti a festa dopo l’Habemus Papam. C’ero anch’io quando il fumo bianco – bianco come non s’era mai visto – ha inondato lo schermo e l’aria della sera, facendo esplodere la folla in urla e lacrime di gioia.
L’emozione di sapere che la Chiesa aveva un nuovo pastore; la fiducia che il suo volto e la sua storia sarebbero stati quelli giusti; l’ansia di conoscere quell’uomo, di salutarlo, di gridargli Eccoci.
Poi le luci hanno illuminato il balcone che si apriva e il cardinale Tauran ha annunciato al mondo il nome del nuovo Pontefice: Jorge Mario Bergoglio. Il silenzio nella piazza. In pochi avevano associato quel nome dal suono italiano al cardinale di Buenos Aires, non tra i papabili di questo Conclave.
Poi l’applauso. Lungo, gioioso, commosso, felice. La scelta di chiamarsi Francesco ci aveva catturati tutti. Quel nome era – ora sì – un nome familiare. Il nostro Papa era lui, la folla lo sapeva.
“Fratelli e sorelle buonasera – ha salutato il Papa: come fa un uomo di strada, un vicino che bussa, un amico che arriva -. Voi sapete che il dovere del Conclave era di dare un Vescovo a Roma e sembra che i miei fratelli cardinali siano andati a prenderlo quasi alla fine del mondo”. La fine del mondo… eppure era così vicino quel posto lontano ieri sera. Roma si era allargata o si era rimpicciolita la Città del potere curiale? Quel volto era sintesi e rottura.
Papa Francesco si è affacciato senza l’abito corale, senza stola e senza mozzetta. Soltanto al momento della benedizione ha indossato la stola, che dopo poco ha tolto. Si è inginocchiato alla gente arrivata numerosa, lui, il Papa. Lui, il gesuita. E ne ha chiesto la preghiera, prima di pregare a sua volta per la Chiesa. “E adesso incominciamo questo cammino: Vescovo e popolo, Vescovo e popolo”. Due volte, a scardinare la distanza tra quel balcone e la piazza sottostante. E poi la preghiera, insieme, per il passato e per il futuro, per la sua chiamata e per colui che l’ha preceduto, Benedetto XVI. Un Padre Nostro, un’Ave Maria, un Gloria al Padre. Le parole della semplicità – hanno sottolineato in tanti -, le parole con cui pregano anche i bambini.
La concessa indulgenza plenaria – valida per i presenti e per tutti coloro che hanno seguito la benedizione grazie ai diversi mezzi di comunicazione – ha poi emozionato fino alle lacrime parte della gente. Il Papa della misericordia, il Papa del perdono, il primo Papa Francesco.
“Francesco, va’ e ripara la mia casa che, come vedi, è tutta in rovina” – pare sia stata la chiamata fatta al Povero d’Assisi. La stessa rivolta, forse, al cardinal Bergoglio.
Il mondo aveva posto le sue domande: il Conclave ha dato la sua risposta. Ha continuato a piovere ieri sera, ma gli ombrelli si sono chiusi per poter alzare davvero gli occhi al cielo.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia