Apre il Parlamento tra dubbi e timori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Apre il Parlamento tra dubbi e timori

parlamento_legislaturaHabemus diem, verrebbe quasi da dire. Parte, infatti, tra mille incognite e incertezze la XVII legislatura. Chi sperava in un rinnovamento, almeno può dirsi in parte soddisfatto. Quello che apre venerdì è il Parlamento più giovane della storia e con la maggiore presenza di donne. I tanti grillini che fanno per la prima volta il loro ingresso a Montecitorio e a Palazzo Madama ha contribuito all’esclusione di attori che hanno caratterizzato per diversi anni la politica del nostro Paese.
È evidente il ringiovanimento rispetto alla scorsa legislatura in cui l’età media dei deputati era di 54 anni (nove anni di differenza) mentre quella dei senatori di 57 anni (quattro anni di differenza). Di gran lunga è quello del Movimento 5 Stelle il gruppo più giovane. Per quanto riguarda la presenza femminile, invece, nella passata legislatura era pari ad appena il 21% alla Camera e il 19% al Senato mentre si evidenzia che nel nuovo Parlamento saranno il 32% alla Camera e il 30% al Senato (dati Coldiretti).
Se si guarda all’attuale situazione politica, tuttavia, le considerazioni prendono tutto un altro indirizzo. L’instabilità che si è venuta a delineare l’indomani del voto del 24 e 25 febbraio pongono molti interrogativi sulla possibilità di istituire una maggioranza, sebbene provvisoria, in grado di sostenere un esecutivo capace di affrontare le difficoltà economiche nei prossimi mesi. Nonostante l’ottimismo proveniente dall’ultimo Consiglio europeo, i timori che questa legislatura possa durare il tempo d’un battito d’ali sono più che fondati. Secondo l’ultima indagine Ipr Marketing per Repubblica.it “il 67 per cento degli italiani vuole un governo adesso”. Il che denota, da parte dei cittadini, la volontà di avere un maggiore (ed eventuale) impegno a garantire stabilità. Gli indicatori economici non sono particolarmente incoraggianti: il tasso di disoccupazione si attesta all’11,7%, in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto a dicembre e di 2,1 punti nei dodici mesi (Istat); l’Italia, con il 38,7%, è tra i Paesi in Europa con il tasso più alto di disoccupazione giovanile (Eurostat); sono 6,7 milioni le persone che vivono in difficoltà economiche (Istat). A questo si aggiunga un ulteriore indicatore di cui si tiene poco conto, sbagliando: la sfiducia. Il rapporto Bes 2013 dell’Istat in collaborazione con il Cnel che quantifica la fiducia degli italiani nel Parlamento in 3,6 punti su una scala da zero a dieci. Secondo il Rapporto Italia 2013 dell’Eurispes, invece, l’89,7% degli italiani si dice sfiduciato rispetto al Parlamento (il 51,3% non vi ripone alcuna fiducia, il 38,4 poca). Già nel 2012 – sempre secondo l’Eurispes – solo il 9,5% degli italiani riponeva fiducia, molta o abbastanza, nel Parlamento. La situazione, in questa fase così delicata, può rischiare un peggioramento. E l’elezione dei presidenti di Camera e Senato è solo il primo scoglio da superare nel primo scorcio di legislatura.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Tajani: «Aiutare Kiev significa lavorare per la pace»

«Aiutare l’Ucraina significa lavorare per la pace». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Antonio Tajani, aprendo la prima sessione del G7 a Capri. «Se…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Guterres: «C’è il rischio di un conflitto regionale»

«Negli ultimi giorni si è assistito a una pericolosa escalation, un errore di calcolo o un errore di comunicazione potrebbero portare all’impensabile, un conflitto regionale…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fine vita, governo ricorre al Tar contro l’Emilia-Romagna

La presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero della Salute hanno depositato il 12 aprile al Tar dell’Emilia-Romagna un ricorso contro la Regione per…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica

L’economia mondiale è destinata a ridursi mediamente del 19% entro il 2049 a causa della crisi climatica. Lo sostiene una proiezione realizzata dall’Istituto tedesco di…

18 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia