Cipro mette nei guai l’Italia e l’Europa? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cipro mette nei guai l’Italia e l’Europa?

hands_off_cyprusLa crisi cipriota è foriera di un rischio contagio per l’Italia? Sembrerebbe di no. Spiega infatti l’Abi che gli istituti di credito “hanno una posizione di grande solidità e dai dati della Bri risultano esposte verso Cipro in misura minima, sotto un miliardo di euro. Di qui la massima serenità nell’escludere il rischio contagio”. Anche se aleggia, come hanno ricordato molti commentatori in queste ore, il ricordo di quanto fece nel 1992 il governo Amato, cosa succede a Cipro e perché la crisi che ha investito l’isola ha trainato con sé un lunedì nero per i mercati?
Per far quadrare i conti e ottenere gli aiuti europei e del Fmi di cui Cipro necessita (circa dieci miliardi di euro), il governo ha pensato bene (si fa per dire) di coinvolgere – in quello che è considerato da molti un paradiso fiscale, soprattutto dagli oligarchi russi – i correntisti gravando sui propri depositi. Si era detto di un prelievo pari al 6.75% sui depositi sino a 100 mila euro e del 9.90% su quelli superiori. Il provvedimento sarebbe dovuto essere approvato nella giornata di lunedì, ma la paura di una fuga di capitali dalle banche e la reazione negativa delle Borse ha di fatto rallentato l’iter. Il Parlamento cipriota si esprimerà sulla misura nel pomeriggio di martedì. Nella notte di lunedì, invece, si è tenuto un confronto sul tema da parte dei ministri dell’Economia e delle Finanze dell’Eurogruppo (che contempla i Paesi membri che adottano la moneta unica) da cui è emerso l’auspicio di un trattamento diverso tra piccoli e grandi correntisti. Un’idea che, stando alle indiscrezioni giornalistiche, il presidente cipriota Nikos Anastasiades starebbe avallando. Tuttavia le intenzioni di far passare il provvedimento restano vive, non fosse altro che il rischio per Cipro sarebbe quello di non riuscire altrimenti ad affrontare la crisi.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Zelensky: «La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo»

«La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo. Il mondo può e quindi deve fermare il terrore russo». Lo ha scritto su…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Draghi: «Ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita»

«Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita e probabilmente più grande: i Paesi cercano…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20»

«Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esclude la presenza del leader del Cremlino, al prossimo G20…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, Curcio: «Stato d’emergenza, dopo che saranno decise le misure»

«Lo stato di emergenza» a causa della siccità «è un atto del governo e si farà quando avremo le idee chiare sulle misure» da applicare.…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia