Nord-Sud: un’Italia spaccata in due | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nord-Sud: un’Italia spaccata in due

sud_mezzogiornoLa crisi economica che ha investito il Paese continua ad allargare il divario tra il Nord e il Sud. Secondo i dati riscontrati da un’analisi del Censis, tra il 2007 ed il 2012 il Pil del Mezzogiorno ha registrato una contrazione del 10% contro il 5,7% del Centro-Nord. Le cause di questo tracollo sono legate a piani di governo poco chiari, ad una burocrazia lenta nella gestione delle risorse pubbliche, a infrastrutture scarsamente competitive, ad una limitata apertura ai mercati esteri e a un forte razionamento del credito.
Divario anche tra i redditi pro capite: nel meridione si attesta infatti al 57% di quello del Centro-Nord. Questo, sottolinea il Censis, evidenzia un dualismo territoriale tipico del nostro Paese oltre che unico in Europa. Inoltre, confrontando il reddito pro-capite delle tre regioni più ricche e più povere dei grandi Paesi dell’Eurozona si rileva che l’Italia ha il maggior numero di regioni con meno di 20 mila euro pro-capite. Sono sette, contro le sei della Spagna, le quattro della Francia ed una della Germania. Dall’altro lato, però, la Germania “vanta” dieci regioni con un reddito pro-capite oltre i 30 mila euro, mentre la Francia ne ha una, l’Italia cinque e la Spagna nessuna.
“Il Centro-Nord (31.124 euro di Pil per abitante) – si legge nel rapporto del Censis – è vicino ai valori dei Paesi più ricchi come la Germania, dove il Pil pro-capite è di 31.703 euro. Mentre i livelli di reddito del Mezzogiorno sono inferiori a quelli della Grecia (17.957 euro il Sud, 18.454 euro la Grecia)”.
Il divario si mostra anche nella crisi del lavoro: dei 505 mila posti di lavoro persi in Italia dall’inizio della crisi economica il 60%, circa 300 mila unità, ha riguardato il Mezzogiorno.
Tra il 2007 e il 2011 gli occupati nell’industria meridionale si sono ridotti del 15,5% contro il calo del 5,5% riscontrato al Centro-Nord. Oltre 7.600 imprese manifatturiere del Mezzogiorno sono uscite dal mercato tra il 2009 e il 2012.
Nel Mezzogiorno crescono più drasticamente che al Nord anche le diseguaglianze sociali: “Il 26% delle famiglie residenti nel Mezzogiorno è materialmente povero a fronte di una media nazionale del 15,7%. E nel Sud sono a rischio di povertà 39 famiglie su 100 a fronte di una media nazionale del 24,6%. Il persistere di meccanismi clientelari, di circuiti di potere impermeabili alla società civile e la diffusione di intermediazioni improprie nella gestione dei finanziamenti pubblici contribuiscono ad alimentare ulteriormente le distanze sociali impedendo il dispiegarsi di normali processi di sviluppo”.
Per quanto riguarda la scuola e la formazione, risulta che al Sud si spende di più che nel resto del Paese, ma i risultati sono peggiori. La spesa pubblica dedicata all’istruzione e alla formazione nel Mezzogiorno è il 6,7% del Pil contro il 3,1% destinato al Centro-Nord, circa 1.170 euro pro-capite contro i 937 del resto d’Italia. Nonostante ciò, il tasso di abbandono è del 21,2% nel Mezzogiorno e del 16% al Centro-Nord. Al Sud cresce sempre più il fenomeno dei Neet: “il 31,9% dei giovani di 15-29 anni – riporta il Censis – non studiano e non lavorano”. Situazioni di emergenza si registrano in Campania e in Sicilia dove il fenomeno si attesta rispettivamente al 35,2% e al 35,7%. Non solo, gli studenti più facoltosi, il 23,7%, si spostano per gli studi universitari negli atenei centro-settentrionali contro il 2% che migrano in senso opposto.
La crisi economica ha portato, ovviamente, anche ad progressivo deterioramento dei servizi sanitari. E’ un cambiamento notato dal 7,5% degli intervistati al Nord-Ovest, dall’8,7% al Nord-Est, dal 25,6% al Centro e addirittura dal 32,1% al Sud. Un’alta percentuale, il 17,1% di residenti meridionali, ha infine affermato di essersi spostato in un’altra regione per farsi curare.

 

1 Commento per “Nord-Sud: un’Italia spaccata in due”

  1. eros

    “La spesa pubblica dedicata all’istruzione e alla formazione nel Mezzogiorno è il 6,7% del Pil contro il 3,1% destinato al Centro-Nord”, dai vostri dati traspare discriminazione verso il Nord nel campo dell’istruzione, ovvero potendo analizzare qualsiasi dato verrebbero alla luce i motivi per cui l’Italia è malgovernata e amministrata.
    Ed il nuovo governo non apporterà alcun miglioramento, ma sarà solo l’ultimo artefice di una recessione non solo economica.

Scrivi una replica

News

Meloni: «La Shoah fu un abisso dell’umanità»

«La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità. Un male che ha toccato in profondità anche la nostra Nazione con l’infamia delle leggi razziali del 1938. È nostro…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2023: latino al classico, matematica allo scientifico

Latino al classico, matematica allo scientifico. Sono state annunciate le materie della seconda prova per l’esame di Maturità 2023, che torna a svolgersi secondo quanto…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aiea: ieri esplosioni vicino a centrale nucleare di Zaporizhzhia

Potenti esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi sono avvenute ieri durante l’attacco missilistico da parte delle forze di Mosca contro l’Ucraina.…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran: attacco all’ambasciata azera, una vittima

Un morto e due persone rimaste ferite è il bilancio di un assalto all’ambasciata dell’Azerbaigian in Iran. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia