Crisi economica, Bankitalia: “Se si riacutizzano tensioni il quadro economico peggiora” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Bankitalia: “Se si riacutizzano tensioni il quadro economico peggiora”

“Il totale di debiti commerciali vantati dalle imprese nei confronti delle Amministrazioni pubbliche a fine 2011 è pari a circa 90 miliardi, il 5,8% del Pil”, è quanto affermato da Daniele Franco, Direttore Centrale per la Ricerca economica e le Relazioni internazionali, in occasione dell’Audizione presso le Commissioni speciali per l’esame di atti del Governo riunite della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica.
“Il quadro macroeconomico – aggiunge – potrebbe risultare peggiore di quello previsto nella Relazione ove si riacutizzassero le tensioni sui mercati finanziari internazionali o se la ripresa dell’economia globale tardasse a manifestarsi. Occorre operare affinché politiche economiche efficaci e credibili possano interrompere la spirale recessiva in atto nel nostro Paese quasi ininterrottamente dal 2008.
L’aggiornamento del quadro previsivo del Governo, incluso nella Relazione al Parlamento 2013, prefigura un calo del pil dell’1,3 per cento nel 2013 e un aumento della stessa entità nel 2014. Il prodotto si contrarrebbe ancora nel trimestre che si sta per concludere, ristagnerebbe nel successivo e riprenderebbe a crescere nella seconda metà dell’anno. La ripresa si consoliderebbe nel 2014, beneficiando sia dell’accelerazione della domanda mondiale, sia della ripresa dell’accumulazione di capitale, specialmente in macchinari e attrezzature; i consumi delle famiglie, diminuiti di circa sei punti percentuali nel biennio 2012-13, si espanderebbero allo stesso ritmo dell’attività economica.
Il conto corrente della bilancia dei pagamenti, ancora in modesto disavanzo nel 2012, risulterebbe sostanzialmente in pareggio nel biennio successivo. L’inflazione, misurata con il deflatore dei consumi, sarebbe pari al 2,0 per cento quest’anno e rimarrebbe stabile su questo livello anche nel 2014.
Nonostante la graduale ripresa dell’economia, il tasso di disoccupazione continuerebbe ad aumentare, portandosi in prossimità del 12 per cento nel 2014”.
“Rispetto alla Nota di aggiornamento del Documento di Economia e finanza 2012- conclude -, le previsioni sulla dinamica del pil per l’anno in corso sono state riviste al ribasso di 1,1 punti percentuali, mentre quelle per l’anno prossimo sono state corrette al rialzo per due decimi di punto percentuale; le stime sull’andamento dell’inflazione sono invece pressoché invariate. Le stime di crescita per il 2013 sono sostanzialmente in linea sia con quelle della Commissione europea sia con quelle degli analisti privati censiti a marzo da Consensus Economics; quelle per il 2014 risultano invece più ottimistiche per oltre mezzo punto percentuale. Questa differenza potrebbe essere riconducibile agli effetti sulla domanda privata del pagamento di 40 miliardi di debiti accumulati dalle Amministrazioni pubbliche verso i propri fornitori. Nelle valutazioni del Governo, il provvedimento sosterrebbe l’attività economica”.

 

Scrivi una replica

News

Cybersicurezza, Palazzo Chigi: «Nell’attacco non sono stati colpiti settori critici»

«In merito all’attacco hacker verificatosi su scala mondiale, la riunione tenuta stamane a Palazzo Chigi, coordinata dal Sottosegretario con la delega alla Cybersecurity Alfredo Mantovano,…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Benzinai, sanzioni da 200 a 200mila euro per chi viola gli obblighi di comunicazione dei prezzi

Sanzioni da 200 a 2mila euro, a seconda del fatturato, per chi viola gli obblighi di comunicazione ed esposizione dei prezzi dei carburanti. E’ quanto…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Carburanti, prezzi ancora in calo

Nonostante l’embargo al petrolio russo continuano a calare i prezzi dei carburanti. Nel dettaglio, in base all’elaborazione di Qe dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Terremoto Turchia-Siria, Zelensky: «Pronti a fornire assistenza»

«Siamo al fianco del popolo turco in questo momento difficile. Siamo pronti a fornire l’assistenza necessaria per superare le conseguenze del disastro», ha dichiarato Zelensky…

6 Feb 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia