La fiducia delle imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

La fiducia delle imprese

impreseNel mese di marzo l’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese manifatturiere sale a 88,9 da 88,6 registrato nel mese precedente.
In particolare, peggiorano i giudizi sugli ordini e migliorano le attese di produzione (da -42 a -43 e da -4 a -3 i saldi delle variabili); diminuisce, infine, il saldo dei giudizi sulle scorte di magazzino (da 1 a 0).
Nel dettaglio, l’indice del clima di fiducia scende da 88,4 a 86,9 per i beni intermedi, ma sale da 91,5 a 92,1 per quelli di consumo e da 85,8 a 87,7 per quelli strumentali. I giudizi sugli ordini peggiorano con riferimento ai beni di consumo ed ai beni intermedi (i saldi delle variabili passano, rispettivamente, da -33 a -34 e da -45 a -48) e restano stabili con riferimento, invece, ai beni strumentali (-45). Il saldo dei giudizi sulle scorte di prodotti finiti si presenta in diminuzione nei beni di consumo (da 1 a 0) e nei beni strumentali (da 1 a -3), ma in aumento in quelli intermedi (da 2 a 4). Le attese sulla produzione, infine, migliorano nei beni di consumo e in quelli strumentali (da -4 a -2, da -3 a -1 i rispettivi saldi della variabile), confermandosi, invece, sui valori dello scorso mese nei beni intermedi (-5).
Su base territoriale, l’indice del clima di fiducia del settore manifatturiero sale nel Nord-ovest (da 92,2 a 92,5), nel Nord-est (da 87,4 a 87,5) e nel Centro (da 88,7 a 89,5); l’indice si attesta sui valori del mese scorso, invece, nel Mezzogiorno (a 82,2). Mentre le attese di produzione migliorano in tutte le ripartizioni territoriali, i giudizi sugli ordini migliorano nel Nord-est, ma peggiorano nel Nord-ovest, nel Centro e nel Mezzogiorno. I giudizi sulle scorte di magazzino presentano saldi in diminuzione nel Nord-ovest, in aumento nel Nord-est e nel Centro, stabili nel Mezzogiorno.
Secondo le consuete domande trimestrali rivolte alle imprese manifatturiere che svolgono attività d’esportazione, nel primo trimestre dell’anno migliorano leggermente i giudizi sul fatturato, ma restano stabili le aspettative. Scende da 6 a 4 il saldo destagionalizzato relativo al rapporto fra prezzi all’export e interni. Rimane stabile al 39% la quota delle imprese interpellate che lamenta la presenza di significativi ostacoli all’attività di esportazione: tra questi, diminuiscono quelli legati ai finanziamenti e ai costi, ma aumentano quelli legati ai tempi di consegna e ad “altri motivi”. Tra le destinazioni delle esportazioni aumenta l’incidenza dei paesi Ue; la Germania, la Francia e la Cina continuano ad essere considerate fra i maggiori concorrenti internazionali.
A marzo l’indice del clima di fiducia delle imprese di costruzione scende a 80,0 da 81,5 di febbraio; i giudizi sugli ordini e/o piani di costruzione peggiorano (il saldo diminuisce da -51 a -53) mentre le attese sull’occupazione restano stazionarie (a -13).
L’indice del clima di fiducia sale da 67,4 a 67,6 nella costruzione di edifici e da 82,6 a 85,8 nell’ingegneria civile, mentre scende da 92,6 a 90,6 nei lavori di costruzione specializzati. I giudizi sugli ordini peggiorano nella costruzione di edifici (i saldi diminuiscono da -57 a -59), migliorano nell’ingegneria civile (i saldi aumentano da -23 a -21) e rimangono stazionari nei lavori di costruzione specializzati (a -55); le attese sull’occupazione migliorano nella costruzione di edifici e nell’ingegneria civile (i saldi aumentano da -20 a -18 e da -14 a -10, rispettivamente) e peggiorano nei lavori di costruzione specializzati (il saldo scende da -6 a -9).
A marzo, l’indice destagionalizzato del clima di fiducia delle imprese dei servizi resta sostanzialmente stabile, attestandosi a 73,7 da 73,8. Migliorano sia i giudizi che le attese sugli ordini (da -26 a -23 e da -13 a -11, i rispettivi saldi), ma calano sensibilmente le attese sull’andamento dell’economia in generale (da -49 a -53 il relativo saldo). Crescono i giudizi sull’occupazione e sull’andamento degli affari (da -6 a -2, il primo e da -25 a -22, il secondo); si riduce il saldo delle aspettative sulla dinamica dei prezzi di vendita (da -8 a -7) e stabili, infine, sono le attese sull’andamento dell’occupazione (a -9).
Più nel dettaglio, il clima di fiducia migliora nei trasporti e magazzinaggio (da 71,3 a 78,5) e nei servizi turistici (da 65,6 a 69,1); peggiora, invece, nei servizi di informazione e comunicazione e in quelli alle imprese ed altri servizi (da 77,3 a 70,7 e da 78,4 a 74,8, rispettivamente). I saldi dei giudizi sul livello degli ordini progrediscono in tutti i settori considerati tranne che nei servizi alle imprese ed altri servizi (dove passano da -24 a -28); le corrispondenti attese, crescono nei trasporti e magazzinaggio e nei servizi alle imprese ed altri servizi, ma calano, al contrario, nei servizi turistici ed in quelli di informazione e comunicazione (da -20 a -23 e da -4 a -9 i rispettivi saldi). Le attese sull’andamento dell’economia in generale crescono sensibilmente nei trasporti e magazzinaggio e nei servizi turistici, ma si riducono, altrettanto marcatamente, nei rimanenti settori. Circa le ripartizioni territoriali, il clima di fiducia, ad eccezione del Mezzogiorno dove passa da 84,1 a 73,1, migliora in tutto il resto del Paese, con particolare intensità al Centro, dove si attesta a 73,5 da 68,8. La fiducia è pressoché stabile, infine, al Nord-ovest (da 76,0 a 76,1) e al Nord-est (da 73,1 a 73,2).
Nel commercio al dettaglio l’indicatore di fiducia diminuisce lievemente, portandosi da 75,8 (in febbraio) a 75,4. In particolare, recuperano i giudizi sulle vendite correnti (da -58 a -55), ma peggiorano le attese su quelle future (da -20 a -23); in lieve accumulo sono giudicate, infine, le scorte di magazzino (da 3 a 4). Guardando alla disaggregazione per tipologia distributiva, l’indicatore di fiducia aumenta nella grande distribuzione (da 63,1 a 64,9), facendo registrare un lievissimo miglioramento anche in quella tradizionale (da 87,7 a 88,0). Più nel dettaglio, in entrambi i circuiti distributivi recuperano i saldi sui giudizi sulle vendite correnti (da -50 a -47, nella distribuzione tradizionale e da -66 a -64 nella grande distribuzione), ma peggiorano quelli relativi alle attese sulle vendite future (da -20 a -22, nella prima e da -20 a -21, nella seconda). Guardando, infine, alle scorte di magazzino, il saldo della variabile registra un deciso calo nella grande distribuzione (da 16 a 11), recuperando, al contrario, in quella tradizionale (da -3 a -2).

Fonte: Istat

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Zelensky: «La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo»

«La Russia deve essere riconosciuta come uno stato sponsor del terrorismo. Il mondo può e quindi deve fermare il terrore russo». Lo ha scritto su…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Draghi: «Ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita»

«Gli effetti di questa guerra sono imprevedibili, ci ritroviamo con una Ue più unita, una NATO più unita e probabilmente più grande: i Paesi cercano…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20»

«Vladimir Putin non sarà presente al prossimo G20». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, esclude la presenza del leader del Cremlino, al prossimo G20…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siccità, Curcio: «Stato d’emergenza, dopo che saranno decise le misure»

«Lo stato di emergenza» a causa della siccità «è un atto del governo e si farà quando avremo le idee chiare sulle misure» da applicare.…

28 Giu 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia