Italian Graffiti: la differenza tra arte e vandalismo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italian Graffiti: la differenza tra arte e vandalismo

di Martina Marotta

italian_graffitiUltimamente, a Roma, e più precisamente sotto un cavalcavia in via Ostiense, sono stati realizzati alcuni graffiti, veri e propri pezzi di street art, raffiguranti tra le altre cose diversi personaggi famosi sepolti nel vicino cimitero acattolico di Testaccio (come Antonio Gramsci e Percy Shelley). Un vero e proprio omaggio all’arte, insomma. E da non confondere assolutamente con gli atti vandalici che purtroppo sono in rapido aumento nella Capitale.
Anche nel mondo del graffitismo i writer che non hanno alcuna preparazione e capacità artistica sono visti in cattiva luce: infatti i cosiddetti “toy” vengono nella maggior parte dei casi emarginati dalla comunità writer e non riconosciuti come tali.
I toy infatti puntano, più che alla qualità del loro prodotto artistico, alla quantità dei loro “tag” per acquisire fama e notorietà all’interno dell’ambiente dei graffiti, e solitamente, anziché creare veri e propri murales, prediligono l’imbrattamento di muri e metropolitane, provando anche a rovinare opere d’arte e patrimoni artistici delle varie città, forse dettato anche da un desiderio di ribellione giovanile o semplicemente da un’incapacità artistica che non permette loro di realizzare altro.
Diversa è invece la questione che riguarda i writer-artisti.
Prima di tutto è necessario fare una divisione tra le diverse tipologie di graffitismo: troviamo quindi l’aerosol art, i graffiti logo, la tag (che, come già detto precedentemente, è l’unica espressione “artistica” dei toy), la street art e lo stencil graffiti.
Alcuni di questi stili nacquero in America alla fine degli anni Sessanta, ma fiorirono in tutto il mondo nel corso degli anni 80, accostandosi alla cultura dell’hip hop di quel periodo e ‘sfornando’ tra gli altri due artisti divenuti famosi nel panorama artistico mondiale: Keith Haring e Jean-Michel Basquiat.
L’aerosol art è lo stile più comune e noto all’interno del mondo graffiti: si caratterizza per l’uso della bomboletta spray con applicazioni pittoriche aerografiche, solitamente raffiguranti il nickname del writer stilisticamente portato quasi a disegno astratto, arricchito di colori e giochi d’ombre, mentre nei graffiti-logo l’artista associa il suo nickname a un vero e proprio marchio, un design creato ad hoc.
La tag è invece la firma del writer, usata talvolta anche senza un vero e proprio lavoro artistico ‘da firmare’, riproducente il nickname dell’artista e riprodotta con grazie e ‘bombature’. Questa tecnica viene storpiata da toy e poser i quali, non avendo alcuna capacità artistica, riproducono sui muri firme insensate e con l’unico scopo di imbrattare il suolo pubblico.
La street art è forse l’arte più apprezzata nell’ambiente dei graffiti e non solo: sono infatti veri e propri capolavori su muro. Prima che writers gli artisti sono quindi pittori, e nella maggior parte dei casi più rispettosi rispetto agli altri colleghi, prediligendo spazi adibiti alla loro arte ed evitando muri di case, portoni, vagoni della metro, ecc. Le tecniche utilizzate variano in base all’opera realizzata: si passa dalla classica bomboletta spray agli stickers, stencils, installazioni.
Lo stencil graffiti è una tecnica che sta riscuotendo un particolare successo soprattutto negli ultimi anni: usando per l’appunto uno stencil, il writer crea un’immagine più o meno nota (è molto usuale trovare in giro per le strade stencil di quadri o icone famosissime) e con maggiore rapidità rispetto ad un disegno realizzato senza l’aiuto di ‘negativi’.
E’ bello vedere, in conclusione, il suolo pubblico arricchito di disegni e opere realizzati con cura e maestria, poiché possono rendere un banale e cupo muro un vero e proprio allestimento d’arte.
Ma si dovrebbe prestare maggiormente attenzione a chi si spaccia writer e poi imbratta senza alcuna autorizzazione case, strade, monumenti con firme che più che arte sono pallide imitazioni di stili più famosi e sgorbi. Perché imbrattare patrimoni dell’umanità? Altro che ribellione giovanile, magari un’invidia artistica.

 

Scrivi una replica

News

Putin all’Occidente: «Anche noi abbiamo armi in grado di colpirvi»

La retorica è la medesima cui siamo abituati da due anni, da quando la Russia ha cominciato la guerra in Ucraina. Ma stavolta, del resto…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa, Corte Suprema deciderà su immunità Trump

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha deciso che si esprimerà sull’immunità di Donald Trump nel caso che lo vede accusato dei presunti tentativi di…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spari per disperdere folla a Gaza, Hamas: «Negoziati a rischio»

Secondo Hamas i morti potrebbero essere alla fine più di cento. Civili palestinesi sarebbero rimasti uccisi a causa degli spari delle forze israeliane per disperdere…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Piantedosi: «Le forze di polizia non devono subire processi sommari»

«Consentitemi di sottolineare il diritto degli appartenenti alle forze di polizia di non subire processi sommari. Sono lavoratori che meritano il massimo rispetto!». Lo ha…

29 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia