Siria, Assad: “Pena di morte per chi uccide un ostaggio” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Siria, Assad: “Pena di morte per chi uccide un ostaggio”

Il presidente siriano Bashar al Assad ha stabilito per decreto un inasprimento delle pene per i reati legati al sequestro di persona. A riferirlo sono stati alcuni media vicini al regime di Damasco. La decisione è stata presa all’indomani del rapimento di nove alawiti che dal Libano stavano rientrando in Siria attraverso il valico di frontiera di Wali Khaled. Secondo il decreto promosso dal presidente siriano, chi verrà giudicato responsabile di aver rapito ed infierito sull’ostaggio, uccidendolo, stuprandolo o provocandogli invalidità permanenti, verrà condannato a morte. Mentre verrà condannato all’ergastolo e i lavori forzati, chi verrà giudicato colpevole del reato di sequestro di persona.

 

Scrivi una replica

News

Mes, Visco: «Da un punto di vista economico ha solamente vantaggi»

«Da un punto di vista economico» il MES «ha solamente vantaggi: non si va sul mercato, è a lunga scadenza, a condizioni buone e la…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «Le prospettive sul futuro restano incerte»

«L’impatto del Coronavirus si sente ancora nella zona euro, le imprese hanno difficoltà, le persone perdono il posto, le prospettive sul futuro restano incerte». Lo…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mezzogiorno, Provenzano: «A rischio ci sono circa 600-800mila posti di lavoro»

«Sul piano sociale le ricadute rischiano di essere maggiori nelle aree meno sviluppate del Mezzogiorno, soprattutto in termini di occupazione». Così il ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano, intervenendo nel corso…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 33 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 33.130.914 A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

28 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia