Siria, Assad: “Pena di morte per chi uccide un ostaggio” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Siria, Assad: “Pena di morte per chi uccide un ostaggio”

Il presidente siriano Bashar al Assad ha stabilito per decreto un inasprimento delle pene per i reati legati al sequestro di persona. A riferirlo sono stati alcuni media vicini al regime di Damasco. La decisione è stata presa all’indomani del rapimento di nove alawiti che dal Libano stavano rientrando in Siria attraverso il valico di frontiera di Wali Khaled. Secondo il decreto promosso dal presidente siriano, chi verrà giudicato responsabile di aver rapito ed infierito sull’ostaggio, uccidendolo, stuprandolo o provocandogli invalidità permanenti, verrà condannato a morte. Mentre verrà condannato all’ergastolo e i lavori forzati, chi verrà giudicato colpevole del reato di sequestro di persona.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Costa: «Presumibilmente si arriverà ad una terza dose di vaccino»

«In base alle evidenze scientifiche è presumibile che si arriverà a una terza dose, si tratta di capire quale sarà la scadenza per effettuarla». Lo…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green Pass, Sileri: «Modulabile a seconda dell’andamento del coronavirus»

«Il Green Pass dipenderà dalla circolazione del virus: modulabile a seconda dell’andamento del Covid». Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, conversando con…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, tra gennaio e giugno presentate all’INAIL 266.804 denunce di infortunio

Nel periodo compreso tra gennaio e giugno 2021, sono state presentate all’INAIL 266.804 denunce di infortunio sul lavoro, in aumento dell’8,9% rispetto allo stesso periodo…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: a livello mondiale, oltre 196,7 milioni di contagi

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 196.794.025. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia