Siria, Assad: “Pena di morte per chi uccide un ostaggio” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Siria, Assad: “Pena di morte per chi uccide un ostaggio”

Il presidente siriano Bashar al Assad ha stabilito per decreto un inasprimento delle pene per i reati legati al sequestro di persona. A riferirlo sono stati alcuni media vicini al regime di Damasco. La decisione è stata presa all’indomani del rapimento di nove alawiti che dal Libano stavano rientrando in Siria attraverso il valico di frontiera di Wali Khaled. Secondo il decreto promosso dal presidente siriano, chi verrà giudicato responsabile di aver rapito ed infierito sull’ostaggio, uccidendolo, stuprandolo o provocandogli invalidità permanenti, verrà condannato a morte. Mentre verrà condannato all’ergastolo e i lavori forzati, chi verrà giudicato colpevole del reato di sequestro di persona.

 

Scrivi una replica

News

Dl Superbonus, ok della Camera dei deputati con 150 voti a favore: il testo diventa legge

Via libera della Camera al dl Superbonus, che aveva già ottenuto il via libera del Senato il 16 maggio. I sì sono stati 150, 109…

23 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «La mafia può essere sconfitta ed è destinata a finire»

«Come sostenevano Falcone e Borsellino, la Repubblica ha dimostrato che la mafia può essere sconfitta e che è destinata a finire. L’impegno nel combatterla non…

23 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, BCE: nel I trimestre salari in crescita del 4,7%

Nel primo trimestre del 2024 i salari all’interno dell’Eurozona sono aumentati del 4,7%, accelerando rispetto al +4,5% registrato nell’ultimo trimestre dello scorso anno. È quanto…

23 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ungheria, Ilaria Salis è stata scarcerata

Ilaria Salis, l’attivista italiana a processo in Ungheria perché accusata di aver aggredito tre militanti neonazisti a Budapest, l’11 febbraio scorso, è stata scarcerata dopo…

23 Mag 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia