Il business del gioco d’azzardo in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il business del gioco d’azzardo in Italia

gioco_azzardo_onlineÈ successo che giovedì il governo venisse battuto in aula al Senato nella votazione di una mozione della Lega Nord che vieta per un anno l’apertura di nuovi centri per i giochi d’azzardo elettronico online e nei luoghi aperti al pubblico. Commentando quanto accaduto, il sottosegretario all’economia Alberto Giorgetti, ha lamentato a tale proposito “aspetti di conflitto con i diritti dei gestori che già si sono aggiudicati la concessione” e ha ricordato, soprattutto, “il problema del mancato gettito per sei miliardi di euro”.
Il business del gioco d’azzardo in Italia è tra i pochi a non avere risentito della crisi economica. Semmai è vero il contrario: è la crisi che spinge molte persone a tentare la fortuna. Nel 2011 il gioco è valso qualcosa come 80 miliardi di euro, pari a circa il 5% del Pil. L’aumento è molto dipeso dalle nuove regole che hanno introdotto ulteriori modalità di puntate tra cui, appunto, il gioco online. Ma anche l’apertura nel mercato, risalente al 2004 (legge Bersani-Visco), a società straniere quali Intralot, Merkur, William Hill e Unibet oltre alle italiane Lottomatica, Sisal e Snai. In linea generale, però, è tra il 2010 e il 2011 che è stato registrato il maggiore incremento (di quasi il 30%). Nel 1994, per rendere l’idea, il fatturato non superava i 6,5 miliardi di euro. L’associazione Libera ha recentemente definito quella del gioco d’azzardo la terza impresa del Paese. In Italia, infatti, si spendono circa 1.260 euro a testa l’anno per cercare di sbarcare il lunario. I giochi preferiti sono al solito videopoker, slot machine, gratta e vinci, sale Bingo. Non vanno sottostimati, però, i costi sociali del gioco d’azzardo. I giocatori a rischio dipendenza sono calcolati in almeno due milioni, le persone assolutamente dipendenti sono almeno 800 mila. Avverte ancora Libera: “Ci sono poi i costi non facilmente stimabili, che riguardano l’aggravarsi di fenomeni sociali rilevanti: le infiltrazioni mafiose nei giochi, la crescita del ricorso all’usura, il peggioramento delle condizioni delle persone più fragili e povere, maggiormente esposte alla seduzione di slot e biglietti della lotteria, i sussidi da versare a chi si rovina giocando, l’incremento delle separazioni e dei divorzi, un aumento impressionante di giocatori tra i minorenni”.
Il dossier di Libera Azzardopoli 2.0 (2012) segnala inoltre cifre preoccupanti per quanto riguarda il coinvolgimento delle mafie e il gioco illegale. Ammonterebbe di fatto a 15 miliardi di euro il fatturato stimato del gioco illegale relativo allo scorso anno. E sarebbero ben 49, afferma Libera, i clan che gestiscono giochi di vario genere.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, peggiorano le aspettative di inflazione. Il sondaggio della BCE

Secondo l’ultimo sondaggio condotto dalla Banca Centrale Europea (Risultati dell’indagine della BCE sulle aspettative dei consumatori) su un campione di 19 mila adulti di undici…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, confermata la recessione a fine 2023

L’istituto federale di statistica Destatis ha confermato la recessione dell’economia tedesca alla fine del 2023. Nel IV trimestre, infatti, il Prodotto Interno Lordo della Germania…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «Le politiche monetarie della Bce sono dipendenti solo dai dati»

«La BCE è indipendente e determinata a continuare a essere indipendente e dipendente dai dati nella valutazione che facciamo e nella politica di decisione che…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ex Ilva, Meloni: «Il governo non intende nazionalizzarla»

L’intento del governo non è «statalizzare l’Ilva, credo che ci sia margine per trovare investitori che abbiano interesse a far viaggiare la società. Vorrei fare…

23 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia