Codacons su dati Bankitalia: “Banche contribuiscono a fallimento famiglie e imprese” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Codacons su dati Bankitalia: “Banche contribuiscono a fallimento famiglie e imprese”

In una nota diffusa dal Codacons si legge: “Secondo i dati resi noti oggi da Bankitalia, a luglio i prestiti bancari ai privati sono in calo del 3,3% su base annua. In particolare i prestiti alle famiglie sono scesi dell’1,1% e quelli alle società non finanziarie sono diminuiti del 4,1%. I tassi d’interesse per l’acquisto di abitazioni erogati alle famiglie nel mese di luglio sono saliti al 3,96% (3,90% a giugno) mentre quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo sono stati pari al 9,52%.
Per il Codacons le banche continuano nella loro politica disastrosa: o si tengono i soldi o li danno a caro prezzo. Da quando è scoppiata la crisi le banche hanno smesso di fare il loro mestiere, che è quello di far circolare moneta nel sistema, contribuendo al fallimento di famiglie ed imprese.
Per questo il Governo dovrebbe, almeno per una volta, stare dalla parte dei clienti delle banche, eliminando, ad esempio, balzelli assurdi come le commissioni di istruttoria veloce, aumentando la concorrenza e riducendo i privilegi.
Il Codacons, ad esempio, chiede al Governo si applicare anche in Italia quanto deciso recentemente in Svizzera con un referendum: bloccare i compensi d’oro ed i super bonus dei banchieri e dei top manager in genere, stabilendo che siano gli azionisti e non i consigli di amministrazione a deciderli. Inoltre vanno vietati bonus in caso di acquisizioni e vendite, onde evitare conflitti di interessi.
L’associazione di consumatori chiede anche di tassare seriamente le transazioni finanziarie, in modo da rendere meno appetibili gli impieghi meramente speculativi a vantaggio degli investimenti a sostegno dell’economia reale e del sistema produttivo”.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, l’88% dei consumatori italiani preferisce acquisti multicanale

«L’88% dei consumatori italiani ha adottato un approccio multicanale nel 2021, utilizzando quindi online e offline e nell’alimentare, sono passati dal 6% al 21% gli…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Onu: «Sono almeno 6.655 i civili che hanno perso la vita da inizio guerra»

Almeno 6.655 civili sono morti e altri 10.368 sono rimasti feriti in Ucraina dall’inizio dell’invasione russa: lo ha reso noto l’Onu, come riporta il Kyiv…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Casa Bianca: «Putin cerca di mettere in ginocchio gli ucraini colpendo le infrastrutture»

«E’ assolutamente spregevole quello che Putin sta facendo: sta cercando di mettere gli ucraini in ginocchio colpendo le infrastrutture civili che garantiscano alla gente quello…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Nato resterà a fianco all’Ucraina finché necessario»

«La Nato continuerà a stare a fianco dell’Ucraina per tutto il tempo necessario. Non arretreremo». Lo detto il segretario generale Jens Stoltenberg, intervenendo ad un…

29 Nov 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia