L’accordo sulla Siria | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’accordo sulla Siria

bashar_al_assadA seguito dei risultati raccolti dagli ispettori dell’Onu sull’uso di gas Sarin in territorio siriano è stato raggiunto, dopo lunghe negoziazioni, l’accordo tra i cinque membri permanenti dell’Organizzazione delle Nazioni Unite (Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito e Francia) per trovare una soluzione alla crisi di Damasco. Il punto cardine è che finché il presidente Bashar al Assad rispetterà i patti l’uso della forza non sarà “automatico”.
Per non ricorrere alla forza il governo di Damasco e le opposizioni dovranno distruggere tutte le armi chimiche e i depositi dove esse sono contenute.
“L’uso di armi chimiche costituisce una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale”, si legge nella nota dell’Onu. Il presidente Assad, intervistato da una tv venezuelana ha detto che “la Siria è impegnata a rispettare tutti gli accordi che ha firmato” e che quindi si procederà presto verso la distruzione delle armi. Ma, ha tuttavia aggiunto Bashar al Assad, “le possibilità di un’offensiva militare da parte degli Stati Uniti sono sempre presenti”.
Ovviamente, come vale per la Siria l’obbligo di non procedere più all’uso di armi chimiche, vale il divieto per ogni stato membro dell’Onu di fungere da fornitore. I dettami dell’Onu saranno controllati ogni trenta giorni dal momento del voto dei 15 membri che approverà la risoluzioni. La votazione si svolgerà al Palazzo di Vetro la notte tra venerdì e sabato (le 2 in Italia).
Per la distruzione dell’arsenale, secondo gli esperti del regime di Damasco, ci vorrà un anno o forse più e l’operazione costerà alla Siria circa un miliardo di dollari. A causa dei costi elevati per lo smaltimento ventilava anche l’ipotesi che avvenisse in territorio statunitense, sempre se, azzardava Bashar al Assad in un’intervista, “Washington è disposta a pagare il costo dell’operazione”.
Intanto le informazioni raccolte dagli Osservatori e dalle onlus che operano sul territorio parlano di numeri drammatici: dall’inizio della crisi sarebbero morte ben oltre 110 mila persone. Oltre 40 mila sarebbero civili, circa 22 mila ribelli e oltre 45 mila tra forze governative e milizie lealiste. Sono invece più di settemila i bambini morti e oltre un milione i rifugiati nei paesi confinanti. “Quasi sette milioni di abitanti – spiega Save the Children – sono caduti in povertà dall’inizio del conflitto. Nelle aree rurali della sola Damasco un bambino su venti è malnutrito e il 14% è già affetto da malnutrizione grave”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia