Tanto sesso, ma poche soddisfazioni | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tanto sesso, ma poche soddisfazioni

di Mirko Spadoni

coppia_sessoSotto le lenzuola, gli italiani si danno un gran da fare. I 108 rapporti l’anno dichiarati sono una prova più che sufficiente. Eppure, 800 mila coppie sono a rischio infedeltà a causa proprio del sesso.
Questo è quanto sostiene un’indagine condotta dalla DoxaPharma e che verrà presentata l’8 ottobre nel corso del congresso nazionale della Società italiana di Urologia e dell’Associazione ginecologi ospedalieri italiani. Analizzando un campione composto da tremila persone tra uomini e donne, di età compresa tra i 18 e 55 anni, la ricerca ha rilevato che il 70% degli italiani non si ritiene soddisfatto della propria vita sessuale.
I motivi sono diversi, passiamo dalla durata troppo limitata del rapporto (per quattro milioni di coppie il sesso non dura più di 120 secondi), per arrivare alle difficoltà di raggiungere il piacere: una coppia su quattro non ci riesce.
E così la metà delle donne ha dichiarato di pensare – durante il rapporto con il proprio partner – a un altro uomo. Mentre una su cinque ha ammesso di essere passata dalla fantasia ai fatti, decidendo di tradire il proprio compagno o di interrompere la relazione.
Ma la ricerca ha coinvolto anche molti ragazzi. Tra questi appena il 7% sa che il preservativo serve per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmesse, il 90 per cento sceglie di usarlo solo per evitare una gravidanza indesiderata. Solo un giovanissimo su tre lo utilizza sempre per i rapporti sessuali, mentre il 27 per cento non ne ha mai comprato uno.
Dati in linea con quelli emersi da uno studio condotto dall’Osservatorio Nazionale sulla salute dell’infanzia e l’adolescenza Paidòss. L’indagine, basata su un campione di 1.400 giovani, sostiene che l’età della prima esperienza sessuale si è abbassata ulteriormente rispetto a quanto riscontrato negli anni precedenti. E così il 19% degli under 14 ha dichiarato di aver avuto dei rapporti completi (nel 2012 le stime indicavano il 10%).
Ma c’è di più: dalla ricerca, condotta dalla DoxaPharma, emerge infatti che un adolescente su tre ha almeno una malattia andrologica, senza neanche esserne a conoscenza. Quasi il 18% ragazzi intervistati soffre di varicocele, ovvero la dilatazione delle vene dei testicoli che causa un aumento della temperatura locale e che – a volte – rende il soggetto infertile. Il 4% ha problemi di criptorchidismo. Mentre il 3% ha il frenulo corto e lo 0,1% il micropene.

 

Scrivi una replica

News

La Commissione europea apre procedura d’infrazione su deficit per Italia, Francia e altri cinque paesi

La Commissione europea ha aperto una procedura per deficit eccessivo per Italia, Francia, Belgio, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia. «Dopo i passaggi previsti, verranno proposte…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Evitare fratture su nomine vertici UE»

«La composizione dei vertici europei deve evitare fratture», dato che l’Europa ha davanti a sé «sfide da affrontare velocemente». A sostenerlo il presidente della Repubblica,…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispetto del voto, ma UE ha valori irrinunciabili»

«La coscienza democratica impone di rispettare sempre il voto degli elettori. Ma è importante ricordare che vi è un carattere irrinunciabile dell’UE nato da un…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2024, al via la prima prova in tutta Italia

Sono iniziati questa mattina, mercoledì 19 giugno, alle 8,30, gli esami di Maturità 2024. La prima prova prevede la scrittura di un tema su sette…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia