Cresce la fiducia dei consumatori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce la fiducia dei consumatori

consumi2I giudizi dei consumatori sulla situazione economica del Paese sono in miglioramento (da -129 a -123 il saldo); le attese si deteriorano rispetto al mese precedente con il saldo che diminuisce a -23 da -15. Le aspettative sulla disoccupazione sono in aumento: il saldo passa a 74 da 71 del mese precedente. Il risultato è dovuto all’aumento della quota di rispondenti che giudica la disoccupazione futura in ‘aumento’ (dal 35,4% in ottobre al 40,0% in novembre).
Con riferimento ai prezzi al consumo, sia il saldo dei giudizi sulla dinamica degli ultimi 12 mesi sia il saldo sulle attese future sono in diminuzione (da 50 a 32 il saldo dei giudizi e da 27 a -11 il saldo delle attese). Quest’ultima diminuzione è dovuta principalmente al calo della quota di coloro che prevedono i prezzi in ‘forte crescita’ (dal 21,4% di ottobre al 10,5% di novembre) e a quella di coloro che li prevedono in ‘crescita moderata’ (dal 24,6% di ottobre al 21,9% di novembre) unitamente all’aumento della quota di quanti li giudicano tendenzialmente stabili (dal 31,1% di ottobre al 44,2% di novembre).
Il saldo riferito ai giudizi sulla situazione economica della famiglia aumenta passando da -64 di ottobre a -60 di novembre; in particolare diminuisce, rispetto al mese precedente, la quota di rispondenti che giudica ‘molto peggiorata’ la propria situazione economica (dal 13,5% al 11,7%). Le attese sulla situazione economica familiare migliorano: il saldo passa a -14 da -18. Per quanto riguarda i giudizi sul bilancio familiare, il saldo cresce a -18 dal -22 registrato nel mese precedente.
L’opportunità attuale al risparmio viene valutata in aumento (da 134 a 140 il saldo). Tale valutazione complessiva è dovuta principalmente ad un aumento, rispetto al mese precedente, della quota di quanti ritengono ‘certamente opportuno effettuare risparmi” (dal 68,3% di ottobre al 70,7% di novembre) e ad una diminuzione di quanti valutano ‘certamente non opportuno effettuare risparmi’ (dal 7,5% di ottobre al 6,3% di novembre). Anche le attese sulle possibilità future di risparmio sono in aumento, il saldo passa da -59 a -53. La variazione del saldo è dovuta all’aumento della quota di consumatori che prevedono ‘probabilmente di poter risparmiare’ (dal 25,6% al 27,0%) e ad una diminuzione di quella di coloro che prevedono ‘certamente di non poter risparmiare’ (dal 36,1% al 32,4%). Per quanto riguarda l’acquisto di beni durevoli, le valutazioni sull’opportunità attuale di acquisto e quelle sulle intenzioni future di spesa migliorano: i rispettivi saldi aumentano da -90 a -82 e da -111 a -100.
A livello territoriale, il clima di fiducia aumenta al Nord, diminuisce lievemente al Centro e rimane stabile nel Mezzogiorno.
Nord-ovest: l’indice del clima di fiducia aumenta passando da 97,6 a 100,2. Aumenta la componente personale (da 98,1 a 104,0 l’indice), quella corrente (da 96,6 a 101,8) e quella futura (da 98,5 a 99,4); diminuisce, invece, la componente economica (da 93,6 a 92,8).
Nord-est: il clima di fiducia dei consumatori aumenta (da 100,3 a 101,7). Il miglioramento della fiducia è dovuto all’aumento del clima personale (da 101,4 a 104,2), di quello corrente (da 99,6 a 102,1) e di quello relativo alla componente futura (da 100,3 a 100,6). La componente economica risulta al contrario in lieve diminuzione (da 94,4 a 94,3).
Centro: l’indice del clima di fiducia diminuisce lievemente passando da 97,7 a 97,0. Il deterioramento complessivo della fiducia è dovuto al peggioramento del quadro economico (da 96,4 a 91,5) e di quello futuro (da 98,7 a 95,4). Invece, la componente personale (da 97,9 a 98,9) e quella corrente (da 96,9 a 98,0) risultano in miglioramento.
Mezzogiorno: il clima di fiducia dei consumatori è sostanzialmente stabile a 95,3. Aumenta sia la componente personale (da 96,3 a 98,0), sia quella corrente (da 92,9 a 95,9). Diminuisce in modo lieve la componente economica (da 89,9 a 89,6) e, in misura più consistente, quella futura (da 97,6 a 94,7).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia