Lavoro, Bonanni: “Manca un disegno forte per il rilancio del Paese” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro, Bonanni: “Manca un disegno forte per il rilancio del Paese”

“Speriamo che ci sia davvero un allentamento dei vincoli europei sul bilancio, ma la vera questione è come si fa a creare nuova ricchezza nel paese, a partire dall’industria, che cosa si fa sui fattori di convenienza per stimolare gli investimenti in Italia. Il vero nodo irrisolto dell’azione del Governo Renzi rimane ancora questo. Manca un disegno forte, la ricerca di una azione sinergica di tutti i soggetti istituzionali e sociali sui fattori dello sviluppo e sui temi del lavoro. Speriamo che il Governo Renzi durante il semestre italiano di presidenza della Ue si batta per una politica europea espansiva, mettendo insieme i talenti economici di cui disponiamo e puntando sullo sviluppo di nuove fonti energetiche, sulle infrastrutture materiali ed immateriali, l’innovazione, la ricerca. Serve unificare la politica fiscale, con una azione comune sul piano delle politiche migratorie e di accoglienza, insieme ad una effettiva unione bancaria. La commissione europea chiede anche di spostare il carico fiscale dai redditi delle persone ai consumi. Questa è la strada da percorrere anche in Italia e la delega fiscale dovrebbe affrontare questa questione cruciale per risollevare l’economia. La Cisl è pronta a dare il proprio contributo concreto e responsabile per una efficace azione di governo nel segno delle riforme istituzionali e di una rinnovata coesione sociale. Ce lo chiedono i cittadini italiani ed i nostri iscritti. Per questo il sindacato lancerà unitariamente nei prossimi giorni una offensiva sui temi della lotta alla disoccupazione, della riforma fiscale e di una revisione della legge Fornero sulle pensioni. Il Jobs act deve fare i conti con la vera precarietà rappresentata dalle centinaia di migliaia di partite Iva false, co.co.pro., associati in partecipazione. Il contratto a tutele crescenti deve servire a tutelare queste forme di flessibilità selvaggia. Faremo assemblee in tutti i posti di lavoro, nei territori ed in tutte le aziende. Ed a settembre continueremo la nostra mobilitazione in tutte le piazze italiane, senza fare populismo ma con grande senso di responsabilità. Staremo in mezzo alla gente e con i lavoratori per spiegare quello che il Governo non sta facendo e che invece si dovrebbe fare. La corruzione e’ il frutto delle disfunzioni amministrative: troppi appalti, troppe concessioni, troppe esternalizzaioni. Se non si fa saltare questo sistema feudale ormai del tutto fuori controllo, avremo sempre corruzione, sprechi ed inefficienze”, così il Segretario Generale della Cisl, Raffaele Bonanni.

 

Scrivi una replica

News

Medio Oriente, l’Onu ha chiesto un’indagine internazionale sulle fosse comuni scoperte nella Striscia di Gaza

L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha chiesto un’indagine internazionale sulle fosse comuni scoperte nei due principali ospedali della Striscia di…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, de Guindos: «Se le cose vanno nella stessa direzione, allenteremo la posizione restrittiva»

«Se le cose vanno nella stessa direzione delle ultime settimane, allenteremo la nostra posizione restrittiva a giugno. In assenza di sorprese è un ‘fatto compiuto’».…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, via libera del Parlamento europeo al Patto di Stabilità

Il Parlamento europeo, con 359 voti favorevoli, 166 contrari e 61 astensioni, ha dato il via libera finale al nuovo Patto di Stabilità e crescita.…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Meloni: «Vogliamo ridurre i divari che dividono il Paese»

«L’Italia è una Nazione che nel tempo ha accumulato diversi divari: tra Nord e Sud, tra la costa tirrenica e quella adriatica, divari all’interno delle…

23 Apr 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia