L’Italia è la meta più cara d’Europa | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’Italia è la meta più cara d’Europa

turismo_vacanze_crisiIn Italia la spesa per hotel e ristoranti è più cara del 10% rispetto alla media europea. Per questo il nostro Paese risulta la meta vacanziera più costosa d’Europa. E’ quanto emerge da un’indagine della Coldiretti, basata sui dati del 2013 dell’Eurostat e del World Tourism Barometer.
La destinazione più economica del Mediterraneo, per quanto riguarda hotel e ristoranti, è il Montenegro dove si paga il 37% in meno rispetto alla media Ue. A seguire troviamo la Croazia, dove ristoranti e hotel costano il 26% in meno rispetto alla media. Più bassa anche la spesa in Portogallo, del 23%, e in Turchia, del 22%. Grecia e Spagna riducono le distanze ma rimangono comunque al di sotto della media, mostrando rispettivamente un -12% e un -9%.
Nonostante nel 2013 il flusso di turisti in Europa sia cresciuto del 5%, con picchi del 7% nell’Europa centrale ed Orientale e del 6% nei Paesi del Mediterraneo, i costi elevati italiani hanno fatto registrare un calo del 4,3%. Paesi come la Grecia e Malta, per esempio, hanno registrato una crescita di nove e di dieci punti percentuali. Più contenuto l’aumento della Spagna, +4%, mentre i flussi di turisti in Portogallo hanno registrato un +8%. Nonostante l’Italia si confermi tra le mete preferite dai turisti italiani ed internazionali si è registrato un calo dello 0,2% negli arrivi degli stranieri e dell’8% in quelli degli italiani.
Poco positive anche le prospettive per il 2014: solo il 28% degli italiani alloggerà in un albergo in Italia. Meglio le case vacanze che verranno usate da quasi la metà degli italiani. Il 19% ha optato per una casa in affitto, il 14% per quella di proprietà e il 17% per case di parenti o amici.
Solo il 7% passerà le vacanze in un villaggio turistico, un altro 7% in un bed & breakfast, mentre appena il 3% ha scelto un agriturismo.
Il 44% delle famiglie ha previsto un budget inferiore ai 500 euro a persona, il 35% spenderà tra i 500 ed i mille euro a componente, il 9% tra i mille ed i duemila euro mentre solo il 4% pensa che spenderà oltre duemila euro. Vacanze poco costose ma anche brevi: il 43% spiega che le vacanze dureranno meno di una settimana, per il 33% sarà un periodo compreso tra una settimana e 15 giorni, per il 15% tra le due e le tre settimane. Solo per il 9% dureranno oltre tre settimane.
Il 71% passerà le vacanze estive al mare, il 18% in montagna, il 6% in città, il 5& al lago, il 3% in campagna e il 2% in centri termali.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia l’indice Rt è pari a 1,08

Nel periodo compreso tra i 4 e il 17 novembre 2020, l’indice di trasmissibilità Rt calcolato sui casi sintomatici è pari a 1,08. Lo rendono…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Conte: «Ci sono novità nella curva epidemiologica»

«Sono ore impegnative: eravamo a consulto con i nostri esperti per valutare la curva epidemiologica per valutare gli scenari prossimi futuri». Lo ha detto il…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Londra: accordo con UE ancora possibile

Il capo negoziatore dell’UE per la Brexit, Michel Barnier, sarà «in viaggio a Londra questa sera per continuare i colloqui con David Frost» in quanto…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Chi arriva a Fiumicino dagli Usa potrà sottoporsi a un test Covid per evitare la quarantena

Da dicembre, i passeggeri dei voli che arriveranno a Fiumicino da alcuni aeroporti degli Stati Uniti – quello di New York JKF, Newark e Atlanta…

27 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia