Tutti i numeri della coppa del mondo 2014 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Tutti i numeri della coppa del mondo 2014

di Mirko Spadoni

BrasileResta da giocare la partita più importante: la finale. Eppure si possono già scrivere tante cose sul mondiale brasiliano. E’ stato un torneo con molti gol, ad esempio. Le 2,68 reti a gara sono la prova più evidente e che nasce dalla media molto alta della fase a gironi (2,81) e di quella della fase ad eliminazione diretta (2,21), che tuttavia è influenzata da quanto accaduto nel corso della semifinale tra Germania e Brasile, finita per 7 a 1. Le otto reti realizzate a Belo Horizonte hanno infatti alzato una media fino ad allora ferma a ‘solo’ 1,92 gol per partita. Il mondiale brasiliano ha quindi ancora concrete possibilità di diventare quello più prolifico di sempre, strappando così il primato a Francia ’98 (2,67 reti a gara). In Sudafrica la media fu di 2,27, in Germania di 2,30, in Giappone e Corea del Sud del 2,52. Delle molte reti messe a segno, la maggior parte è stata realizzata con il piede destro: 68 contro 60. Nello specifico: i calciatori più prolifici tra i mancini sono Lionel Messi e James Rodriguez, mentre Thomas Mueller è quello che ne ha realizzati di più con il destro. Il tedesco, come gli altri due, hanno messo a segno quattro reti.

La nazionale più precisa nei passaggi
Tra tutte le statistiche del mondiale sudamericano, ce n’è una che può rappresentare una piccola soddisfazione per gli azzurri dell’ormai ex commissario tecnico Cesare Prandelli, usciti mestamente alla fase a gironi: l’Italia è – tra tutte le nazionali – quella con la percentuale più alta di passaggi andati a buon fine: l’85% (1580 passaggi riusciti sui 1859 totali). La Germania è invece quella che ne ha fatti di più 3.421 su 4.169 con una media anch’essa molto alta (l’83%). Singolarmente, L’argentino Zabaleta è invece il calciatore a cui è stato affidato il maggior numero di rimesse laterali (64 nelle 6 partite fin qui disputate) non tutte però andate a buon fine: nel rimettere in gioco il pallone, il calciatore ne ha perso il possesso in ben 21 occasioni.

Falli, ammonizioni ed espulsioni
Il giocatore più falloso del torneo è Maurouane Fellaini del Belgio (19 falli) che tuttavia non hanno mai spinto i direttori di gara a sanzionare il belga con un cartellino. Al secondo posto (17 falli), Reza Ghoochannejad della rappresentativa iraniana. Anche tenendo conto dei falli fischiati dai direttori di gara, pochi sono stati quelli sanzionati con un’ammonizione o – peggio – con un’espulsione. Emerge così che durante le prime 62 gare del torneo, gli arbitri abbiano estratto dal proprio taschino soltanto 2,8 cartellini gialli a gara. Niente a che vedere con quanto accaduto in Sudafrica (3,83 ammonizioni) e in Germania (4,8). Media molto bassa anche per le espulsioni: 0,18 a partita contro lo 0,27 dello scorso mondiale e lo 0,44 di quello tedesco.

Stati Uniti-Belgio, la gara con più tiri (fuori e dentro lo specchio)
Con 52 conclusioni (35 nello specchio e 17 fuori) in 120 minuti – in pratica: uno ogni due minuti e 18 secondi – la gara tra Belgio e Stati Uniti è stata quella dove sono stati fatti più tiri. La nazionale ad aver centrato più volte lo specchio è stata quella brasiliana (67 tiri in porta) seguita da Germania (64), Argentina (61), Olanda e Belgio, rispettivamente a 59 e 58. Quella meno precisa? La rappresentativa del Ghana con 35 tiri fuori dallo specchio. Pochissimi sono stati invece le conclusioni in Costa Rica-Inghilterra, appena 12 (6 nello specchio e 6 fuori) ovvero un tiro ogni 7 minuti e 30 secondi, e nella semifinale tra Argentina e Olanda: 15 conclusioni (8 in porta e 7 fuori) in pratica una ogni 8 minuti. Entrambe le partite, manco a dirlo, sono terminate a reti inviolate.

 

Scrivi una replica

News

La Commissione europea apre procedura d’infrazione su deficit per Italia, Francia e altri cinque paesi

La Commissione europea ha aperto una procedura per deficit eccessivo per Italia, Francia, Belgio, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia. «Dopo i passaggi previsti, verranno proposte…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Evitare fratture su nomine vertici UE»

«La composizione dei vertici europei deve evitare fratture», dato che l’Europa ha davanti a sé «sfide da affrontare velocemente». A sostenerlo il presidente della Repubblica,…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispetto del voto, ma UE ha valori irrinunciabili»

«La coscienza democratica impone di rispettare sempre il voto degli elettori. Ma è importante ricordare che vi è un carattere irrinunciabile dell’UE nato da un…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2024, al via la prima prova in tutta Italia

Sono iniziati questa mattina, mercoledì 19 giugno, alle 8,30, gli esami di Maturità 2024. La prima prova prevede la scrittura di un tema su sette…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia