Scende l’occupazione nelle grandi imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Scende l’occupazione nelle grandi imprese

Imu-alle-imprese-in-arrivo-aumenti-del-300_h_partbA luglio 2014 l’occupazione nelle grandi imprese registra (in termini destagionalizzati) una diminuzione dello 0,1% al lordo della Cig rispetto a giugno mentre resta invariata al netto dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (Cig).
Nel confronto con luglio 2013 l’occupazione nelle grandi imprese diminuisce dello 0,8% al lordo della Cig e dello 0,5% al netto dei dipendenti in Cig.
Al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorate per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) diminuisce, rispetto a luglio 2013, dello 0,5%.
L’incidenza delle ore di cassa integrazione guadagni utilizzate è pari a 29,7 ore ogni mille ore lavorate, in diminuzione di 3,5 ore ogni mille rispetto a luglio 2013.
A luglio la retribuzione lorda per ora lavorata (dati destagionalizzati) registra una diminuzione dello 0,6% rispetto al mese precedente. In termini tendenziali l’indice grezzo aumenta dello 0,7%.
Rispetto a luglio 2013 la retribuzione lorda e il costo del lavoro per dipendente (al netto dei dipendenti in Cig) aumentano rispettivamente dello 0,3% e dello 0,1%.
Considerando la sola componente continuativa, la retribuzione lorda per dipendente aumenta, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dello 0,9%.

Settori di attività economica
Nel mese di luglio l’occupazione nelle grandi imprese dell’industria (misurata in termini destagionalizzati) registra, rispetto al mese precedente, una diminuzione dello 0,1% al lordo della Cig e una variazione nulla al netto della Cig. In termini tendenziali gli indici grezzi diminuiscono dell’1,2% al lordo dei dipendenti in Cig e dello 0,9% al netto dei dipendenti in Cig.
Nel settore dei servizi l’occupazione (dati destagionalizzati) segna, in termini congiunturali, una diminuzione dello 0,1% al lordo della Cig e una variazione nulla al netto della Cig. Gli indici grezzi registrano diminuzioni tendenziali dello 0,7% al lordo e dello 0,5% al netto della CIG. Nel settore industriale l’indice al netto della Cig segna la diminuzione tendenziale più marcata nelle costruzioni (-5,1%); tra i servizi è nel settore dei servizi di trasporto e magazzinaggio che si osserva il calo più rilevante (-1,8%).
Nell’industria solo il settore fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata presenta una variazione tendenziale positiva dell’indice dell’occupazione al netto della Cig (+0,3%); viceversa nei servizi l’indice mostra incrementi nelle attività professionali scientifiche e tecniche (+2,0%), nelle attività di noleggio agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (+1,8%) e nel commercio all’ingrosso e al dettaglio (+0,7%).

Ore lavorate
Nelle grandi imprese dell’industria, in termini destagionalizzati, le ore lavorate per dipendente registrano una variazione congiunturale negativa dello 0,4%. Nel confronto con luglio 2013, al netto degli effetti di calendario, le ore lavorate segnano una riduzione dello 0,3%.
Nei servizi si registra una variazione congiunturale nulla mentre, in termini tendenziali, l’indice depurato dagli effetti di calendario diminuisce dello 0,8%.

Ore di cassa integrazione guadagni
Nell’industria le grandi imprese hanno utilizzato nel mese di luglio 66,8 ore di Cig ogni mille ore lavorate, con una diminuzione di 4,8 ore rispetto a luglio 2013. Le grandi imprese dei servizi hanno utilizzato 9,4 ore di Cig per mille ore lavorate; rispetto a luglio 2013 si registra una diminuzione di 3,0 ore per mille ore lavorate.

Ore di sciopero
Le ore di sciopero effettuate nel mese di luglio sono pari a 0,6 per mille ore lavorate, con una diminuzione di 0,4 ore rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. A luglio, nelle grandi imprese dell’industria l’incidenza delle ore di sciopero è pari a 1,1 per mille ore lavorate, mentre nei servizi l’incidenza è stata pari a 0,4 per mille ore lavorate. Nel confronto con luglio 2013 si osserva nell’industria una diminuzione di 1,2 ore e un incremento di 0,1 ore nel settore dei servizi ogni mille ore lavorate.

Retribuzioni e costo del lavoro per ora lavorata
Nelle grandi imprese dell’industria la retribuzione lorda per ora lavorata registra, al netto della stagionalità, una variazione nulla rispetto a giugno. Nel confronto con luglio 2013 l’indice grezzo cresce del 2,3%. Nei servizi la retribuzione lorda per ora lavorata segna, al netto della stagionalità, una diminuzione congiunturale dello 0,8%; l’indice grezzo registra un calo dello 0,3% rispetto a luglio 2013.Retribuzioni e costo del lavoro per dipendente (al netto della Cig)
Nelle grandi imprese dell’industria a luglio si registra un aumento tendenziale del 3,1% della retribuzione lorda totale per dipendente. Per la sola componente continuativa per lavoro ordinario la crescita, rispetto a luglio 2013, è stata del 2,5%. Il calo che si registra nel settore della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (-5,8%) è attribuibile al disallineamento – rispetto allo scorso anno – delle date del pagamento della mensilità aggiuntiva.
Nei servizi la retribuzione lorda per dipendente è diminuita dell’1,1% mentre quella per la sola componente continuativa per lavoro ordinario registra una variazione nulla.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno raggiunto i 163,7 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 163.729.642. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

18 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Speranza: «Possiamo cominciare a disegnare un orizzonte di ripartenza per l’Italia»

«Adesso che abbiamo i vaccini e circa 28 milioni di italiani hanno ricevuto la prima dose possiamo cominciare a disegnare un orizzonte di ripartenza per…

18 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Figliuolo: «Basta polemiche, avanti con over 60 e fragili»

«Chiedo a tutti i presidenti di Regione di andare avanti con i richiami». Lo ha detto il commissario straordinario all’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, ha…

18 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Musica: addio a Franco Battiato, il cantautore aveva 76 anni

È morto Franco Battiato. È stato uno dei più grandi (e amati) cantautori italiani. Aveva 76 anni. Ad annunciare la sua scomparsa è stata la…

18 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia