Draghi: “A casa i governi che non agiscono contro la disoccupazione” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Draghi: “A casa i governi che non agiscono contro la disoccupazione”

“Le riforme sul mercato del lavoro devono rendere più facile per le aziende assumere giovani, non licenziarli, o almeno non licenziarli così facilmente. La riforma italiana non si tradurrà in massicci licenziamenti perché dopo anni di recessione e la disoccupazione elevata, le aziende hanno già agito. L’attuale situazione di disoccupazione giovanile è legata alle riforme degli anni 2002, con l’introduzione di nuovi contratti molto flessibili, destinati soprattutto ai giovani. Contratti che hanno depresso la domanda. Con la crisi queste posizioni sono state eliminate. Da qui la necessità, per le riforme del mercato del lavoro, di rendere più facile per le aziende assumere i giovani. Gli elettori devono mandare a casa i governi che non agiscono sulla disoccupazione”, così il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, l’Ilo: «Entro la fine del 2020 potrebbero esserci 25 milioni di disoccupati in più a livello mondiale»

Entro la fine del 2020, a causa della pandemia, a livello mondiale potrebbero esserci venticinque milioni di disoccupati in più, che andrebbero a sommarsi ai…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, al via la terza fase di sperimentazione per il vaccino della Johnson&Johnson

Il vaccino contro il coronavirus sviluppato dalla Johnson&Johnson, il primo a iniezione singola, è entrato nella terza fase di sperimentazione. Negli Stati Uniti, è il…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania, l’applicazione per il tracciamento dei contatti è stata scaricata da oltre 18 milioni di persone

Corona-Warn-App, l’applicazione tedesca per il tracciamento dei contatti per contenere la diffusione del coronavirus, «è stata scaricata oltre 18 milioni di volte». Lo ha riferito…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Di Maio: «È un treno che non ripasserà più»

Il Recovery Fund «è un treno che non ripasserà più». Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, intervenendo in occasione di un’audizione…

23 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia