Export verso i paesi extra Ue in crescita del 4,1% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export verso i paesi extra Ue in crescita del 4,1%

export2A settembre 2014, rispetto al mese precedente, entrambi i flussi commerciali presentano un sensibile incremento, più marcato per le esportazioni (+4,1%) che per le importazioni (+3,4%).
La crescita congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue è trainata dal forte incremento delle vendite di beni strumentali (+11,8%), in gran parte dovuto a transazioni eccezionali relative a mezzi di navigazione marittima. Anche i beni di consumo non durevoli (+2,0%) e i prodotti intermedi (+1,7%) sono in espansione, mentre i beni di consumo durevoli e l’energia registrano cadute significative (rispettivamente, -6,4% e -12,3%).
La crescita congiunturale dell’import è trainata dai beni strumentali (+13,7%) e dall’energia (+4,4%).
Nell’ultimo trimestre la dinamica congiunturale dell’export verso i paesi extra Ue è positiva (+0,6%), in ampia misura per effetto della crescita delle vendite di energia (+8,4%). Al netto della componente energetica, l’incremento risulta comunque leggermente positivo (+0,2%).
A settembre 2014 si rileva un’ampia crescita tendenziale dell’export (+8,3%), che si riduce a +3,5% al netto degli effetti di calendario (22 giorni a settembre 2014 rispetto ai 21 di settembre 2013). Quest’ultimo risultato è spiegato per 2,4 punti percentuali dalla vendita di mezzi di navigazione marittima.
La debole flessione tendenziale delle importazioni (-0,4%) è determinata dalla forte contrazione degli acquisti di energia (-16,6%). Al netto della componente energetica, le importazioni fanno registrare una marcata crescita (+8,4%) diffusa a tutti i comparti.
A settembre 2014 l’avanzo commerciale è pari a 1.533 milioni di euro, in ampliamento rispetto ai 322 milioni registrati a settembre 2013. Il surplus nell’interscambio di prodotti non energetici è pari a 4,7 miliardi.
Nel mese di settembre 2014, i mercati di sbocco più dinamici sono OPEC (+20,3%), Stati Uniti (+14,2%), EDA (+10,8%) e Cina (+10,1%). Le vendite verso Turchia (-15,7%) e Russia (-10,2%) sono in marcata flessione. Le importazioni sono in forte crescita da India (+20,2%), Cina (+19,2%) e paesi EDA (+15,4%).

I prodotti
La crescita congiunturale dell’export (+4,1%) è determinata dal forte incremento delle vendite di beni strumentali (+11,8%). L’energia (-12,3%) e i beni di consumo durevoli (-6,4%) risultano invece in marcata flessione. Le importazioni registrano una crescita congiunturale del 3,4%, ampiamente condizionata da quella dei beni strumentali (+13,7%). Anche gli acquisti di beni di consumo durevoli (+7,5%) e di energia (+4,4%) sono in espansione.
Su base annua, a settembre 2014 le esportazioni sono in forte aumento (+8,3%). La crescita tendenziale è sostenuta in tutti i comparti, a eccezione dell’energia (-12,9%), con un incremento particolarmente rilevante per i beni strumentali (+17,1%). La contenuta diminuzione tendenziale delle importazioni (-0,4%) è esclusivamente determinata dal forte calo degli acquisti di prodotti energetici (-16,6%). Al netto dell’energia, si rileva infatti un ampio incremento delle importazioni (+8,4%), con una crescita particolarmente rilevante per i beni strumentali (+16,4%), i beni di consumo durevoli (+9,5%) e i prodotti intermedi (+7,6%).
A settembre 2014, il saldo commerciale è pari a +1,5 miliardi e va a incrementare il saldo cumulato (+16,2 miliardi) relativo al periodo gennaio-settembre 2014. Al netto della componente energetica, si registra un avanzo commerciale di 4,7 miliardi per il solo mese di settembre 2014 e di 46,7 miliardi per i primi tre trimestri dell’anno.

I paesi
A settembre 2014 i partner commerciali più dinamici all’esportazione sono: OPEC (+20,3%), Stati Uniti (+14,2%), EDA (+10,8%), Cina (+10,1%) e Svizzera (+8,3%). Le vendite verso Turchia (-15,7%) e Russia (-10,2%) registrano invece una marcata flessione.
Nello stesso mese gli acquisti da Russia (-19,2%) e OPEC (-19,0%) sono in forte calo, mentre una notevole crescita si registra per le importazioni da India (+20,2%), Cina (+19,2%) e paesi EDA (+15,4%).
A settembre 2014 si registrano ampi deficit commerciali nei confronti di Cina (-1.794 milioni), Russia (-389 milioni) e India (-211 milioni). I saldi positivi più ampi si rilevano nei confronti di Stati Uniti (+1.368 milioni), Svizzera (+737 milioni) e EDA (+595 milioni).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Putin: «Pronti a negoziare, ma Kiev deve ritirarsi da Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson e non aderire alla Nato»

Mosca è pronta a negoziare, ad oltre due anni di distanza dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina. Lo ha detto il leader del Cremlino, Vladimir Putin, in un…

14 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo, online almeno circa mille siti con notizie fake generate dall’IA

Circa mille. Tanti sono i siti di news e informazioni inaffidabili generate con l’utilizzo dell’Intelligenza artificiale. Lo denuncia NewsGuard, un’organizzazione che realizza dei monitoraggi sulla…

14 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Le Pen: «Faremo un governo di unità nazionale»

Il Rassemblement National creerà «un governo di unità nazionale», in caso di vittoria alle elezioni legislative francesi del 30 giugno. Lo ha detto Marine Le…

14 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Putin: «I congelamenti dei capitali russi in Occidente sono un furto»

«I congelamento dei capitali russi in Occidente è “un furto” che non rimarrà impunito». Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin parlando al ministero degli…

14 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia