Come verranno assegnati i fondi del CONI | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come verranno assegnati i fondi del CONI

di Mirko Spadoni

malagòIl CONI dovrà fare a meno di poco più di sette milioni di euro. Lo sport italiano riceverà infatti un contributo dallo Stato – attraverso il ministero di Economia e delle Finanze – pari a 405.658.000 euro, stando a quanto si legge nella bozza del budget del Comitato olimpico. In sostanza: 7,6 milioni di euro in meno rispetto allo scorso anno (-1,84%) quando i fondi erano stati leggermente più sostanziosi (413.260.000 euro).
Poco meno di 130 milioni di euro verranno destinati alle 45 federazioni riconosciute e ai loro undici milioni di tesserati secondo tre criteri: il 10% verrà messo a disposizione della Giunta (15 milioni); il resto verrà destinato all’attività sportiva ordinaria (numero tesserati e società iscritte) e alla preparazione olimpica. “In questa voce – osserva La Gazzetta dello Sport – c’è anche l’indice di visibilità, che favorirà naturalmente il calcio”, che per la prima volta viene equiparato alle altre discipline sportive. Una decisione in controtendenza con quanto accaduto fino ad ora, con il mondo del pallone a cui veniva assegnato il 18% di tutti i contributi statali del CONI indipendentemente dalla cifra stanziata. Una percentuale (elevata) decisa successivamente al passaggio del Totocalcio – ma anche del Totogol, Totosei, Totobingol e Totip – dal CONI all’Amministrazione autonoma monopoli di Stato con la legge n.178 dell’8 agosto del 2002.
Con buona pace del proprio presidente Carlo Tavecchio, la Federcalcio sarà così l’unica federazione a subire un taglio dei fondi, passando dai 62,5 milioni dello scorso anno agli attuali 37,5 (-40%). Sorridono invece l’atletica leggera e il nuoto, che otterranno rispettivamente 6,1 milioni (+19,35%) e 5,7 milioni di euro (+22,08%).
La FIGC e i suoi 1.098.450 tesserati hanno rischiato però di perdere molto di più. Solo l’intervento di Giovanni Malagò, che ha richiesto/ottenuto l’introduzione di un tetto del 30% di incremento massimo per le federazioni olimpiche, ha evitato un ulteriore ridimensionamento del budget assegnato al calcio. “Può sembrare paradossale, ma – ha spiegato il numero uno del Comitato Olimpico – abbiamo fatto il massimo, tenendo presente da dove partivano. È emerso che il calcio avrebbe perso l’80% del contributo CONI, ho quindi ritenuto giusto creare una dinamica di atterraggio in questa vicenda tramite delle forchette che stabiliscono un minimo e un massimo per le federazioni, evitando così sperequazioni che avrebbero destabilizzato tutto il contesto”. Uno sforzo che a via Allegri non hanno apprezzato abbastanza.

segui @SpadoniMirko

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Figliuolo: «La campagna vaccinale procede regolarmente»

«La campagna» vaccinale «va avanti e procede in maniera regolare». Così il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, annunciando un’imminente consegna di dosi…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Draghi: «Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente»

«Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al summit con i leader internazionali, in occasione…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Biden: «Gli Usa taglieranno le emissioni tra il 50 e il 52% entro il 2030»

Gli Stati Uniti ridurranno le emissioni di gas serra tra il 50 e il 52% entro il 2030. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Joe…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gelmini: «Il coprifuoco non durerà fino al 31 luglio»

«Il fatto che nel testo del decreto varato ieri non sia stato riprogrammato il coprifuoco, non significa che durerà fino al 31 luglio. Questa è una lettura…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia