La partecipazione politica in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

La partecipazione politica in Italia

1024px-Palazzo_Montecitorio_Rom_2009Nel 2013, il 10,8% della popolazione di 14 anni e più (circa 5 milioni e 700 mila persone) hanno manifestato il proprio impegno politico partecipando a comizi (il 6,7%) o cortei (il 4,5%), sostenendo finanziariamente un partito (il 2,6%) oppure svolgendo attività gratuite per un partito (1,1%). Questo è quanto emerge dalla rilevazione ISTAT (La partecipazione politica in Italia) diffusa giovedì 30 ottobre.
Ma c’è anche chi – seppure “in maniera invisibile” e limitandosi a parlarne o a informarsi – partecipa comunque alla vita politica del Paese (l’80,2% della popolazione over 14 ovvero oltre 42 milioni di persone). Molti altri sono quelli che invece preferiscono farne a meno: il 27,4% degli italiani con più di 14 anni ha ammesso di non parlare mai di politica mentre il 21,4% ha dichiarato di non informarsi mai.
Nonostante l’emorragia di elettori (l’affluenza alle ultime elezioni politiche del 2013 è stata del 75% ovvero l’8,6% in meno rispetto alle votazioni del 2006) e la disaffezione crescente (il 36,1% degli italiani ha dichiarato di non riconoscersi in nessuna area politica, secondo il Rapporto Italia 2014 dell’Eurispes), la politica rappresenta un argomento di discussione e di interesse per molti dei nostri connazionali. Nello specifico, il 48,9% della popolazione con più di 14 anni ha dichiarato di parlarne almeno una volta a settimana (+ 9,5% rispetto al 2009). Solo il 15,4% lo fa quotidianamente.
Tanti sono invece gli italiani che seguono, informandosi, gli avvenimenti politici: il 64,3% delle persone di con più di 14 anni ha ammesso di farlo almeno una volta a settimana (+3,6% rispetto al 2009). Il 37,7% riesce a farlo quotidianamente. Chi segue la politica nostrana preferisce farlo servendosi della televisione, che – nonostante un lieve calo – viene utilizzata dal 91,8% (-1,7% rispetto al 2009). Il 42,3% preferisce invece i quotidiani ovvero il 7,6% in meno rispetto all’ultima rilevazione. Un calo che trova conferma nelle vendite dei giornali nostrani (sempre meno consistenti) e nei dati ISTAT (Lettori di quotidiani), secondo cui nel 2013 le persone di sei anni e più che hanno letto quotidiani almeno una volta a settimana sono state 49. Nel 2009 erano state 56. Molti altri hanno ammesso di preferire la radio (il 32,9%) o le riviste settimanali (il 10,5%). I media non rappresentano tuttavia l’unico mezzo per informarsi, secondo gli italiani. Il 30,3% ha dichiarato di farlo attraverso le discussioni e il confronto con gli amici (+5,4% rispetto al 2009) o con i parenti (il 24,5%), colleghi di lavoro (il 15,4%) e conoscenti (il 14,1%). Solo il 2,3% ricorre a organizzazioni politiche o sindacali.

 

Scrivi una replica

News

La Commissione europea apre procedura d’infrazione su deficit per Italia, Francia e altri cinque paesi

La Commissione europea ha aperto una procedura per deficit eccessivo per Italia, Francia, Belgio, Ungheria, Malta, Polonia e Slovacchia. «Dopo i passaggi previsti, verranno proposte…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Evitare fratture su nomine vertici UE»

«La composizione dei vertici europei deve evitare fratture», dato che l’Europa ha davanti a sé «sfide da affrontare velocemente». A sostenerlo il presidente della Repubblica,…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispetto del voto, ma UE ha valori irrinunciabili»

«La coscienza democratica impone di rispettare sempre il voto degli elettori. Ma è importante ricordare che vi è un carattere irrinunciabile dell’UE nato da un…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2024, al via la prima prova in tutta Italia

Sono iniziati questa mattina, mercoledì 19 giugno, alle 8,30, gli esami di Maturità 2024. La prima prova prevede la scrittura di un tema su sette…

19 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia