Povertà e disuguaglianza in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Povertà e disuguaglianza in Italia

poverta-2011Il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale. E’ quanto emerge da un’analisi dell’Istat, nella quale l’istituto di statistica prende in considerazione la quota di popolazione che vive almeno una delle seguenti condizioni: deprivazione materiale, bassa intensità di lavoro e rischio di povertà in base al reddito del 2012.
Nel 2013, rispetto all’anno precedente, l’indicatore ha riportato una contrazione dell’1,5%, dovuto in larga parte al calo della quota di persone in famiglie gravemente deprivate, passate dal 14,5% del 2012 al 12,4% dell’anno in corso; stabile la quota di persone in famiglie a rischio di povertà (19,1%), mentre si riscontra un lieve aumento per la quota di chi vive in famiglie a bassa intensità lavorativa, passata dal 10,3% all’11%.
La diminuzione della grave deprivazione, rispetto al 2012, è determinata dalla riduzione della quota di individui in famiglie che, se volessero, non potrebbero permettersi un pasto proteico adeguato ogni due giorni (dal 16,8% al 14,2%), di coloro che non riescono a sostenere spese impreviste di 800 euro (dal 42,5% al 40,3%) o non hanno potuto riscaldare adeguatamente la propria abitazione (dal 21,2% al 19,1%).
Il rischio di povertà o esclusione sociale mostra la diminuzione più accentuata al Centro e al Nord (-7,7% e -5,9% rispettivamente), mentre nel Mezzogiorno, dove si registra una diminuzione del 3,7%, il valore si attesta al 46,2% (più che doppio rispetto al resto del Paese).
Oltre che nel Sud e nelle Isole, valori elevati dell’indicatore si osservano tra le famiglie numerose (39,8%), con un solo percettore (46,1%), con fonte di reddito principale proveniente da pensione o altri trasferimenti (34,9%) e tra quelle con altri redditi non provenienti da attività lavorativa (56,5%); è inoltre più elevato tra le famiglie con reddito principale da lavoro autonomo (30,3%) rispetto a quelle con reddito da lavoro dipendente (22,3%).
Rispetto al 2012, l’Istat ha rilevato un calo di quasi sei punti percentuali, dal 38% al 32,2%, nella quota di anziani solo a rischio di povertà o esclusione sociale; i monogenitori che vivono questa condizione sono passati dal 41,7% al 38,3%; le coppie con un figlio dal 24,3% al 21,7%, le famiglie con un minore dal 29,1% al 26,8% e quelle con un anziano dal 32,3% al 28,9%. Tra le famiglie con tre o più figli si osserva, invece, un peggioramento: dal 39,8% si sale al 43,7%, a seguito dell’aumento del rischio di povertà (dal 32,2% al 35,1%).
La metà delle famiglie residenti in Italia ha percepito, nel 2012, un reddito netto non superiore a 24.215 euro l’anno (circa 2.017 al mese); nel Sud e nelle Isole il 50% delle famiglie percepisce meno di 19.955 euro (circa 1.663 euro mensili). Il reddito mediano delle famiglie che vivono nel Mezzogiorno è pari al 74% di quello delle famiglie residenti al Nord (per il Centro il valore sale al 96%).
Il 20% più ricco delle famiglie residenti in Italia percepisce il 37,7% del reddito totale, mentre al 20% più povero spetta il 7,9%.
Anche per il 2012, la disuguaglianza misurata dall’indice di Gini (pari allo 0,32 a livello nazionale) mostra un valore più elevato nel Mezzogiorno (0,34), inferiore nel Centro (0,31) e nel Nord (0,29).
Rispetto al 2011, rimangono sostanzialmente stabili sia l’indice di Gini sia l’indicatore relativo alla quota di reddito posseduta dal 20% più ricco e più povero della popolazione.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Lavoro: Istat: L’occupazione è più alta tra i laureati che tra i diplomati: 84,3% versus 73,3%

«Nell’edizione dell’indagine del 2023 si è rilevato che quando i genitori hanno un basso livello di istruzione quasi un quarto dei giovani (24%) abbandona precocemente…

17 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Meloni: «I migranti illegali sono nemici di quelli legali»

«I migranti illegali sono nemici di quelli legali». Così il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nel corso del Trans-Mediterranean Migration Forum di Tripoli, in Libia,…

17 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il Parlamento europeo conferma il sostegno all’Ucraina «per tutto il tempo necessario e in qualsiasi forma necessaria»

Il Parlamento europeo, che s’è riunito per la prima volta dal giorno delle elezioni europee, ha approvato una risoluzione che chiede un aumento al sostegno…

17 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medvedev: «Kiev nella Nato sarebbe dichiarazione di guerra»

La Russia torna a ribadire il rischio mondiale di escalation in caso di adesione dell’Ucraina alla Nato, processo che la stessa Alleanza ha collocato, nell’ambito…

17 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia