-1,7% sul 2013 per i prezzi alla produzione industriale | T-Mag | il magazine di Tecnè

-1,7% sul 2013 per i prezzi alla produzione industriale

produzione_industrialeNel mese di settembre 2014 l’indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali rimane invariato rispetto al mese precedente e diminuisce dell’1,7% rispetto a settembre 2013.
I prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno aumentano dello 0,1% rispetto ad agosto e diminuiscono del 2,0% su base tendenziale. Al netto del comparto energetico si registra una diminuzione dello 0,1% in termini congiunturali e un aumento dello 0,2% in termini tendenziali.
I prezzi dei beni venduti sul mercato estero diminuiscono dello 0,2% rispetto al mese precedente (con un calo dello 0,1% per l’area euro e una variazione nulla per quella non euro). In termini tendenziali si registra un calo dello 0,1% (-0,2% per l’area euro e +0,2% per quella non euro).
Riguardo ai contributi settoriali alla dinamica tendenziale dell’indice generale, per il mercato interno quello più rilevante deriva dal comparto energetico (-2,3 punti percentuali). Sul mercato estero i contributi più ampi alla diminuzione derivano dall’energia sia per l’area euro (-0,2 punti percentuali) sia per quella non euro (-0,3 punti percentuali).
Il settore di attività economica per il quale si rileva il calo tendenziale dei prezzi più marcato è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, con diminuzioni del 5,5% sul mercato interno e del 5,6% su quello estero.

Raggruppamenti principali di industrie
Per i beni di consumo l’indice dei prezzi alla produzione di settembre 2014 segna, rispetto al mese precedente, un decremento dello 0,4% per il mercato interno e dello 0,1% per il mercato estero area euro, mentre aumenta dello 0,1% per il mercato estero area non euro; rispetto a settembre 2013 si registra una variazione negativa dello 0,2% per il mercato interno, una variazione nulla per il mercato estero area euro e una variazione positiva dello 0,7% per il mercato estero area non
euro.
Il raggruppamento dei beni strumentali registra una variazione nulla per il mercato interno e un aumento dello 0,1% per entrambe le aree del mercato estero; in termini tendenziali l’indice aumenta dello 0,9% per il mercato interno e dello 0,1% per il mercato estero area non euro, mentre rimane stazionario per il mercato estero dell’area euro.
Per i beni intermedi l’indice dei prezzi registra, in termini congiunturali, una variazione nulla per il mercato interno, una variazione negativa dello 0,2% per il mercato estero area euro e una variazione positiva dello 0,1% per il mercato estero area non euro; rispetto a settembre 2013 l’indice mostra una diminuzione dello 0,3% per il mercato interno, una variazione nulla per il mercato estero area euro e un aumento dello 0,4% per il mercato estero area non euro.
L’indice dei prezzi alla produzione relativo all’energia aumenta, rispetto al mese precedente, dello 0,6% per il mercato interno, diminuisce dello 0,6% per il mercato estero area euro e dell’1,2% per il mercato estero area non euro; in termini tendenziali si registrano diminuzioni del 6,5% per il mercato interno, dell’8,9% per il mercato estero dell’area euro e del 4,2% per il mercato estero area non euro.

Settori di attività economica
I prezzi alla produzione dei prodotti industriali venduti sul mercato interno segnano, nell’ambito delle attività manifatturiere, il calo tendenziale più elevato (-5,5%) nel settore della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati. L’aumento tendenziale più marcato risulta nel settore della fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (+1,5%).
Per quel che riguarda il mercato estero, i maggiori cali tendenziali sono, sia per l’area euro sia per quella non euro, nel settore della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (rispettivamente -8,9% e -4,2%). Le variazioni positive più rilevanti risultano, per l’area euro, nelle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+1,7%) e per l’area non euro, nel settore della fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+3,9%).

 

Scrivi una replica

News

Iohannis ritira candidatura, Rutte prossimo segretario generale Nato

Con il ritiro della candidatura da parte del presidente della Romania, Klaus Iohannis, sembra ormai sicura la successione di Mark Rutte a Jens Stoltenberg alla…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

UE a Hezbollah: «Minacce a Cipro sono minacce a tutta l’Unione»

«Cipro è uno Stato membro dell’UE, ogni minaccia a Cipro è una minaccia a tutta l’Unione europea». Così il portavoce del Servizio di azione esterna…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, il leader del Cremlino Putin in visita ad Hanoi

L’indomani della visita in Corea del Nord in cui Vladimir Putin e Kim Jong-un hanno siglato un accordo di cooperazione strategica, il presidente russo si…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

In Italia uno dei tassi di fecondità più bassi dell’area Ocse

Nell’area dei Paesi Ocse, il tasso di fecondità totale «più basso si registra in Italia e in Spagna, con 1,2 figli per donna e più,…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia