In lieve crescita il tasso di occupazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

In lieve crescita il tasso di occupazione

posto di lavoroA settembre 2014 gli occupati sono 22 milioni 457 mila, in aumento dello 0,4% rispetto al mese precedente (+82 mila) e dello 0,6% su base annua (+130 mila).
Il tasso di occupazione, pari al 55,9%, cresce di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,5 punti rispetto a dodici mesi prima.
Il numero di disoccupati, pari a 3 milioni 236 mila, aumenta dell’1,5% rispetto al mese precedente (+48 mila) e dell’1,8% su base annua (+58 mila).
Il tasso di disoccupazione è pari al 12,6%, in aumento di 0,1 punti percentuali sia in termini congiunturali sia nei dodici mesi.
I disoccupati tra i 15-24enni sono 698 mila. L’incidenza dei disoccupati di 15-24 anni sulla popolazione in questa fascia di età è pari all’11,7%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente ma in aumento di 0,6 punti su base annua. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, ovvero la quota dei disoccupati sul totale di quelli occupati o in cerca, è pari al 42,9%, in calo di 0,8 punti percentuali rispetto al mese precedente ma in aumento di 1,9 punti nel confronto tendenziale.
Il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni diminuisce dello 0,9% rispetto al mese precedente e del 2,1% rispetto a dodici mesi prima. Il tasso di inattività, pari al 35,9%, cala di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,7 punti su base annua.

Differenze di genere
A settembre 2014, su base mensile, l’occupazione aumenta dello 0,4% sia tra gli uomini sia tra le donne. Su base annua, l’occupazione maschile cresce dello 0,7% e quella femminile dello 0,4%.
Il tasso di occupazione maschile, pari al 65,1%, sale di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente e di 0,7 punti su base annua. Quello femminile, pari al 46,7%, sale di 0,2 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,3 punti in termini tendenziali.
Rispetto al mese precedente la disoccupazione aumenta sia per la componente maschile (+1,2%) sia per quella femminile (+1,9%). In termini tendenziali il numero di disoccupati cala per gli uomini (-1,0%) mentre cresce per le donne (+5,3%).
Il tasso di disoccupazione maschile, pari all’11,6%, aumenta in termini congiunturali (+0,1 punti percentuali) mentre cala in termini tendenziali (-0,2 punti); quello femminile, pari al 13,9%, aumenta sia rispetto al mese precedente (+0,2 punti percentuali) sia su base annua (+0,6 punti).
Nel confronto congiunturale l’inattività diminuisce sia tra gli uomini (-1,3%) sia tra le donne (-0,7%); anche su base annua il numero di inattivi è in calo sia per la componente maschile (-2,6%) sia per quella femminile (-1,9%).

La partecipazione dei giovani al mercato del lavoro
A settembre 2014 sono occupati 930 mila giovani tra i 15 e i 24 anni, in aumento del 2,4% rispetto al mese precedente (+22 mila) ma in calo del 3,6% su base annua (-35 mila).
Il tasso di occupazione giovanile, pari al 15,6%, cresce di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente mentre cala di 0,5 punti nei dodici mesi.
Il numero di giovani disoccupati, pari a 698 mila, diminuisce dello 0,8% nell’ultimo mese (-6 mila) mentre aumenta del 4,4% rispetto a dodici mesi prima (+30 mila).
L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari all’11,7% (cioè più di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza è in calo nell’ultimo mese (-0,1 punti percentuali) mentre aumenta di 0,6 punti percentuali rispetto allo scorso anno.
Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati o disoccupati), è pari al 42,9%, in diminuzione di 0,8 punti percentuali rispetto al mese precedente ma in crescita di 1,9 punti nei dodici mesi. Dal calcolo del tasso di disoccupazione sono pertanto esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, ad esempio perché impegnati negli studi.
Il numero di giovani inattivi è pari a 4 milioni 346 mila, in calo dello 0,4% nel confronto congiunturale (-18 mila) e dello 0,9% su base annua (-39 mila).
Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni, pari al 72,7%, diminuisce di 0,3 punti percentuali nell’ultimo mese e di 0,1 punti nei dodici mesi.

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Iohannis ritira candidatura, Rutte prossimo segretario generale Nato

Con il ritiro della candidatura da parte del presidente della Romania, Klaus Iohannis, sembra ormai sicura la successione di Mark Rutte a Jens Stoltenberg alla…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

UE a Hezbollah: «Minacce a Cipro sono minacce a tutta l’Unione»

«Cipro è uno Stato membro dell’UE, ogni minaccia a Cipro è una minaccia a tutta l’Unione europea». Così il portavoce del Servizio di azione esterna…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, il leader del Cremlino Putin in visita ad Hanoi

L’indomani della visita in Corea del Nord in cui Vladimir Putin e Kim Jong-un hanno siglato un accordo di cooperazione strategica, il presidente russo si…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

In Italia uno dei tassi di fecondità più bassi dell’area Ocse

Nell’area dei Paesi Ocse, il tasso di fecondità totale «più basso si registra in Italia e in Spagna, con 1,2 figli per donna e più,…

20 Giu 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia