In ripresa: Italia fuori da recessione | T-Mag | il magazine di Tecnè

In ripresa: Italia fuori da recessione

crisi_personeL’indice di andamento del mercato segnala una risalita in territorio positivo già nel primo trimestre del 2015 per tutti i settori economici, trainato in particolare dall’industria. Tuttavia i giudizi sulla situazione economica del paese e della propria famiglia restano su livelli non ancora esaltanti. Questi, in sintesi, i risultati della ricerca Tecnè per Tgcom24, Che Italia che fa.
Sono cinque i fattori di impulso alla crescita e cinque quelli di freno. Tra i primi un forte stimolo viene esercitato dal contesto internazionale favorevole, quindi dal rapporto euro-dollaro, la crescita dei mercati esteri, il calo del prezzo del petrolio. Sul fronte interno dalla necessità di incrementare le scorte e la spinta all’internazionalizzazione, che coinvolge anche le piccole e medie imprese.
In compenso la debolezza dei consumi, la disoccupazione ancora alta, gli investimenti troppo bassi, la difficoltà di accesso al credito e la fiducia economica bassa sono gli elementi che impediscono al paese di crescere su livelli pienamente soddisfacenti.

IMPRESE&MERCATI. Per l’industria l’indice elaborato da Tecnè sale nel primo trimestre dell’anno a 55/100, in ulteriore crescita dopo avere registrato un andamento positivo già alla chiusura del 2014 quando il livello si era attestato a 51/100. L’industria, dunque, traina il settore dei servizi che giunge in territorio positivo (51/100), con la crescita dei servizi alle imprese. Il settore delle costruzioni registra una minore perdita nel primo trimestre 2015 (47/100 da 38/100 del quarto trimestre 2014). Il commercio resta in territorio negativo e da 43/100 dell’ultimo trimestre dello scorso anno passa a 46/100 nei primi tre mesi del 2015. In generale i settori che evidenzieranno un miglioramento in questa prima parte dell’anno saranno le industrie farmaceutiche, petrolifere e delle materie plastiche, i servizi informatici e delle telecomunicazioni, le industrie elettriche e dell’elettronica. I settori che, al contrario, osserveranno maggiori difficoltà saranno il commercio al dettaglio di prodotti alimentari, il commercio al dettaglio di prodotti non alimentari e la grande distribuzione.

FAMIGLIE&CONSUMI. L’indice di fiducia sulla situazione economica dell’Italia rimane a gennaio su livelli piuttosto bassi (25/100), in lieve risalita rispetto al mese di dicembre 2014, ma distante dal periodo maggio-agosto. In particolare è peggiorata secondo il 66% delle famiglie, è stabile per il 27%, migliorata per il 7%. Andamento analogo per quanto riguarda le attese a 12 mesi, con l’indice che si attesta a gennaio a 45, su livelli stabili rispetto all’ultimo trimestre del 2014, ma ben lontano dal periodo aprile-luglio quando l’indice era in territorio positivo. Migliora, di poco, l’indice dei giudizi sulla situazione economica della propria famiglia da 38/100 di dicembre 2014 a 40/100 di gennaio 2015, il valore più alto negli ultimi 12 mesi. In particolare la situazione economica della propria famiglia è stabile per il 56%, è peggiorata per il 41% ed è migliorata per il 3%.

PIL. Le stime di Tecnè confermano per la prima parte dell’anno la fine della fase recessiva durata 13 trimestri consecutivi, con una variazione tra 0 e +0,2% nel primo trimestre 2015.

Sfoglia l’indagine Tecnè-Tgcom24 in pdf

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, oltre 24milioni di casi negli Usa

Sono oltre 24 milioni i casi registrati da inizio pandemia negli Stati Uniti, dove si contano anche 400mila vittime.…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 118 nuovi casi in Cina

Sono 118 i nuovi casi di coronavirus registrati in Cina, i cui 106 trasmessi localmente e 12 importati.…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, con coprifuoco alle 18 casi diminuiti del 16%

Le misure restrittive adottate in Francia e il coprifuoco anticipato alle 18 cominciano a dare effetti positivi sulla pandemia. Infatti, il numero di contagi è…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Messico: «Biden riveda riforme sull’immigrazione»

«Il nuovo presidente americano deve rivedere sulle riforme politiche di immigrazione del Paese. Lo ha detto il presidente messicano, Andres Manuel Lopez Obrador, mentre migliaia…

19 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia