Ripartono i consumi, meno i negozi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ripartono i consumi, meno i negozi

shopping_acquistiRipartono i consumi, ma la crisi sembra avere ancora ripercussioni pesanti sul commercio. Condizione che riguarda sia gli sbocchi sui mercati esteri, sia sul fronte interno con negozi e Pmi costretti a chiudere.
Se l’Europa rischia di entrare in una nuova fase stagnante del ciclo economico, ciò è dovuto all’incertezza dei mercati emergenti (trainanti dalle turbolenza finanziarie della Cina), motivo per cui le esportazioni stanno risentendo del momento poco favorevole nonostante il calo del prezzo del petrolio e le politiche monetarie espansive della Bce.
Anche sul fronte interno, però, il commercio dell’Italia mostra segnali altalenanti. Secondo recenti stime di Confesercenti, infatti, i consumi delle famiglie italiane dovrebbero crescere dello 0,8% a fine anno, dell’1,4% nel 2016 e dell’1,5% nell’anno a seguire, sostenuti, guarda caso, dal crollo dei prezzi del petrolio e dal bonus fiscale che ha interessato i redditi più bassi.
Eppure a mostrare evidenti difficoltà sono ancora gli esercizi commerciali che secondo una recente analisi dell’Osservatorio Confesercenti, pur tornando le aperture a crescere (+16%) nei primi otto mesi del 2015, risultano “persi” oltre seimila negozi rispetto ad un anno fa, chiudendo così il periodo in negativo.
Nello specifico, tra il mese di gennaio e quello di agosto, sono 6.052 le Pmi in meno rispetto al 2014 (-0,9%). La contrazione interessa più il Sud Italia che il Centro-Nord (una perdita, rispettivamente, dell’1,2% e dello 0,8%).
Tuttavia, a dimostrazione di una rinnovata vitalità del settore, risultano in aumento anche le nuove aperture (17.015, il 16% in più del 2014). Diversamente il commercio ambulante, nel medesimo periodo considerato, registra una crescita del 3,6%, pari a 6.682 imprese in più rispetto allo scorso anno.
Interessante è osservare la ripartizione territoriale. Stando al report Confesercenti i negozi diminuiscono in tutte le regioni, più nel Mezzogiorno che altrove. L’eccezione è però rappresentata dalla Calabria, con una crescita dello stock di imprese del commercio di 13 unità (il Trentino-Alto Adige si trova in territorio positivo, ma di una sola attività).
La regione che mostra la diminuzione più elevata è la Sicilia (-2,3%), per un totale di 1.433 negozi in meno rispetto ai primi otto mesi del 2014. A seguire la Basilicata, che in questo scorcio di 2015 registra 138 negozi in meno (-1,9%).

 

Scrivi una replica

News

Usa 2024. Joe Biden si ritira da corsa elettorale e sostiene Kamala Harris

«Anche se era mia intenzione cercare la rielezione, credo che sia nel miglior interesse del mio partito e del paese di ritirarmi e concentrarmi solamente…

21 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa 2024, Trump: «Sarò il presidente di tutta l’America»

Un discorso orientato all’unità del paese, ma che non ha risparmiato critiche anche dure ai democratici. «Sarà una vittoria incredibile. Corro per diventare presidente di…

19 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Zelensky a Londra: incontro con Keir Starmer

Visita del presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, a Londra, dove ha partecipato a una riunione straordinaria del governo laburista di Keir Starmer. Nell’occasione, Zelensky è tornato…

19 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, condannato a 16 anni il giornalista Usa Evan Gershkovich

Il giornalista statunitense del Wall Street Journal, Evan Gershkovich, è stato condannato a 16 anni di carcere per spionaggio, un’accusa però contestata dagli Stati Uniti.…

19 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia