I possibili benefici del TTIP | T-Mag | il magazine di Tecnè

I possibili benefici del TTIP

exportLa commissaria europea al Commercio, Cecilia Malmstrom, si è detta convinta che la conclusione dei negoziati per il Trans-Pacific Partnership – ovvero l’accordo di libero scambio tra gli Stati Uniti e altri undici Paesi dell’area pacifica – è una buona notizia per il commercio mondiale e l’Unione europea. Vediamo perché.
Secondo Malmstrom, una volta concluso il Tpp – l’accordo deve essere ratificato dal Congresso statunitense e dai Parlamenti degli undici Paesi coinvolti –, l’Unione europea e gli Stati Uniti potranno concentrarsi sul Transatlantic Trade and Investment Partnership (Ttip), l’accordo sul commercio e gli investimenti che l’Ue sta negoziando con Washington. Secondo i piani delle parti coinvolte nel negoziato, il Ttip dovrebbe eliminare le tariffe doganali, ridurre le pratiche burocratiche e diminuire le restrizioni agli investimenti. Lo scopo? Incrementare gli scambi commerciali tra Stati Uniti ed Ue. Con il Ttip, infatti, le imprese europee potranno investire o esportare beni e servizi sul mercato statunitense con maggiore facilità rispetto a quanto accade oggigiorno (lo stesso discorso vale anche per le aziende americane, naturalmente). Come spiegato dalla Commissione europea, un incremento degli scambi commerciali si traduce in un incremento dei posti di lavoro: secondo la Fondazione Bertelsmann, con il Ttip, verrebbero creati un milione di posti di lavoro negli Stati Uniti e 141 mila in Italia. Un accordo di libero scambio non ha un impatto soltanto sulle esportazioni e sul mondo del lavoro. I prodotti e i servizi delle imprese statunitensi – importati a prezzi più vantaggiosi rispetto ad oggi, proprio grazie al Ttip – garantirebbero una scelta più ampia e un inevitabile abbassamento dei prezzi. A trarne beneficio sarebbe il consumatore. Per il Center for Economic Policy Research di Londra, l’intesa tra Stati Uniti ed Ue potrebbe generare 545 di reddito extra l’anno per ogni famiglia europea composta da quattro persone.

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia