Il difficile momento dei commercianti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il difficile momento dei commercianti

consumi_crisi_economicaAlcuni segnali di ripresa – gli ultimi dati sui consumi ne confermano una graduale ripresa – tardano ad avere effetti positivi sul commercio. Dall’inizio del 2015 molti negozi e pubblici esercizi sono stati costretti alla chiusura, seguendo il percorso di chi aveva fatto altrettanto durante la crisi economica.
Secondo una stima di Confesercenti, sulla base delle rilevazioni delle imprese di intermediazione immobiliare, nel nostro Paese ci sono oltre 627 mila locali commerciali sfitti: il 25% del totale disponibile. Il motivo? L’assenza di un’impresa che vi operi all’interno. Da gennaio ad agosto 2015, rileva Confesercenti, sono scomparse – tra negozi e pubblici esercizi – all’incirca 30 imprese al giorno. Dal 2012 ad oggi, invece, sono oltre 300 mila quelle che hanno cessato l’attività. Una parte delle responsabilità è imputabile al calo dei consumi, probabilmente.
Secondo Federconsumatori ed Adusbef, dal 2008 ad oggi, le famiglie italiane hanno ridotto i propri acquisti di 3.142 euro. Un’enormità. Ma quali sono state le voci di spesa maggiormente interessate dai tagli? L’alimentazione (610 euro), la salute (642 euro), l’abbigliamento e le calzature (672 euro), l’arredamento e gli elettrodomestici (462 euro) e, infine, la cultura e il tempo libero (326 euro). Quanto basta per costringere molti esercizi commerciali a chiudere i battenti o a seguire una strada alternativa: il commercio ambulante.
Un’analisi della Coldiretti, sulla base dell’osservatorio nazionale sul commercio del ministero dello Sviluppo economico (Mise), ne ha certificato una consistente espansione dal 2008 ad oggi. Al 30 giugno 2015, osserva lo studio Coldiretti, le imprese ambulanti operanti in Italia erano 189.291: il 17% in più rispetto al periodo pre-crisi economica.
Secondo l’ultimo Osservatorio Confesercenti sulla natimortalità delle imprese di commercio e turismo, nei primi otto mesi del 2015 il commercio ambulante è cresciuto del 3,6%, pari a 6.682 imprese in più rispetto allo scorso anno.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, rapporto deficit/PIL al 3,2% nel I trimestre

Nel primo trimestre del 2024, il rapporto tra deficit e PIL si è attestato al 3,2% nell’Eurozona e al 3% nell’Unione Europea, registrando una diminuzione…

22 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Si celebra oggi il World Brain Day: la salute del cervello si coltiva quotidianamente

Si celebra oggi il World Brain Day, un evento promosso dalla World Federation of Neurology, che punta a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle patologie neurologiche e…

22 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, confermata dall’Idf la morte di altri due ostaggi israeliani

Due israeliani, ostaggi di Hamas dal 7 ottobre, sono morti. Lo rende noto l’Idf, l’esercito d’Israele, sottolineando che i numero degli ostaggi deceduti sale a…

22 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Estate, circa 36 milioni gli italiani che si metteranno in viaggio

Circa 36 milioni di italiani prevedono di mettersi in viaggio, la stragrande maggioranza dei quali – nove su dieci – resterà in Italia, scegliendo località…

22 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia