Lavoro: in crescita lo “smart working” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: in crescita lo “smart working”

donne_lavoroMolte aziende hanno adottato lo smart working da tempo – Virgin Group è l’esempio probabilmente più famoso –, altre invece hanno deciso di farlo di recente. Rispetto allo scorso anno, infatti, la quota delle grandi imprese italiane passate ad un modello di lavoro “smart” è cresciuta parecchio.
In cosa consiste lo smart working, innanzitutto? In cambio del conseguimento degli obiettivi prefissati; l’azienda concede al lavoratore una maggiore flessibilità oraria, un più frequente utilizzo degli strumenti digitali – come gli smartphone e i tablet, presenti rispettivamente nel 91% e nel 66% delle grandi imprese –, che permettono di lavorare lontano dal luogo e al di fuori degli orari di lavoro tradizionali in modo efficace. Sempre secondo il Politecnico di Milano, infatti, i dispositivi mobili hanno permesso alle imprese italiane di recuperare 9 miliardi in produttività.
Tutto ciò deve essere accompagnato da una contemporanea riorganizzazione degli spazi di lavoro, con lo scopo di incentivare la collaborazione, la comunicazione e la concentrazione tra i dipendenti.
Nell’ultimo anno, un numero crescente di aziende ha abbandonato il modello di organizzazione tradizionale del lavoro. Secondo una rilevazione dell’Osservatorio smart working della School of management del Politecnico di Milano, la quota delle grandi imprese italiane, che hanno in atto progetti strutturati ed organici in smart working, è passata al 17%. In crescita rispetto al 2014, quando soltanto l’8% delle grandi aziende aveva adottato già un modello di lavoro completamente “smart”.
Tuttavia non tutte le imprese dimostrano un grande interesse per lo smart working, che risulta scarsamente diffuso specie tra quelle di piccole e medie dimensioni, considerate tali perché impiegano meno di 250 addetti e hanno un fatturato inferiore ai 50 milioni di euro (o un attivo inferiore ai 43 milioni). Oltre una piccola e media impresa su due ha ammesso di non conoscerne il significato o si è dichiarata non interessata. E così soltanto il 5% delle Pmi ha avviato un progetto strutturato di smart working mentre il 9% ha introdotto informalmente logiche di flessibilità e autonomia.

 

Scrivi una replica

News

Fabrizio Curcio è stato nominato capo della Protezione civile

Fabrizio Curcio è stato nominato nuovo capo della Protezione civile dal presidente del Consiglio, Mario Draghi. Curcio, 55 anni, succederà ad Angelo Borrelli, il cui…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus: in Germania il 4,5% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino

In Germania, il 4,5% della popolazione, pari a 5,7 milioni di persone, ha ricevuto una dose di vaccino contro l’infezione da coronavirus. Lo ha riferito…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Nel quarto trimestre, fatturato dei servizi in calo del 7,6% su base annua»

«Nel quarto trimestre 2020 si stima che l’indice destagionalizzato del fatturato dei servizi diminuisca del 2,2% rispetto al trimestre precedente; l’indice generale grezzo registra un…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 113 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 113.086.223. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

26 Feb 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia