Millennials: giovani a due velocità | T-Mag | il magazine di Tecnè

Millennials: giovani a due velocità

giovaniLa cifra, nel suo complesso, ammonta a 4,8 miliardi di euro: è quanto i genitori hanno dovuto sborsare nel 2014 per offrire un aiuto ai figli che vivono per conto proprio – i cosiddetti “millenials”, ovvero i giovani tra i 18 e i 34 anni – alle prese con difficoltà quotidiane, tra lavori precari e spese obbligate da sostenere.
I dati, sebbene in apparente contraddizione rispetto a quelli descritti pochi giorni fa, fotografano le due velocità che caratterizzano la vita dei “millenials”. Da un lato, emerge dalle indagini del Censis, giovani intraprendenti e innovatori (hanno aperto 300 imprese al giorno nel secondo trimestre del 2015); dall’altro giovani che necessitano ancora dell’aiuto della famiglia di origine.
La platea di quanti hanno dovuto richiedere tale sacrificio ai genitori è di 948 mila giovani, sui 4,4 milioni che vivono da soli. Sono coloro, infatti, che non riescono a coprire le spese mensili con il proprio reddito.
Il Censis, che ha realizzato lo studio per il Forum Ania-Consumatori, spiega che il reddito familiare medio dei millenials è di 22,9 mila euro l’anno, una cifra inferiore di oltre settemila euro al reddito familiare medio annuo degli italiani. In più, fa notare ancora il Censis, sono oltre 2,7 milioni i giovani “perseguitati dall’incubo delle bollette di luce, gas telefono fisso e mobile, e in 623 mila quelli il cui equilibrio finanziario è intaccato dalle spese condominiali”. Non solo: oltre l’81% del campione dichiara di aver dovuto rinunciare, o rinviare, anche prestazioni o consumi di welfare.
Si tratta, ad ogni modo, di una situazione che deriva anche dalle condizioni occupazionali. Ad esempio, osservava sempre il Censis nell’indagine presentata ad Expo, sono 2,3 milioni i millenials che svolgono un lavoro di livello più basso rispetto alla propria qualifica e competenze.
Allora tornano alla memora alcuni dati Ocse di qualche tempo fa: la disoccupazione giovanile in Italia nel 2014 è aumentata di 2,7 punti rispetto al 2013, arrivando a quota 42,7%. Nel 2007 tale soglia si fermava al 20,4%. Inoltre, più di una persona su quattro di età uguale o inferiore ai 29 anni non risulta né occupata né in educazione (sono i cosiddetti “neet”).
Ma l’aspetto più interessante, per così dire, riguarda la qualità del lavoro che coinvolge i più giovani. Perché nel nostro paese è continuata a crescere in maniera costante la percentuale di lavoratori under 25 con contratti precari, che dal 52,7% del 2013 è passata al 56% nel 2014. Rispetto al periodo pre-crisi (2007), poi, la percentuale è aumentata di quasi 14 punti percentuali e di quasi trenta punti dal 2000.

 

Scrivi una replica

News

Von der Leyen: «Stop all’export dell’AstraZeneca fino a rispetto dei patti»

«Ci aspettiamo che AstraZeneca accresca i suoi sforzi per distribuire di più e mettersi in pari. Questo sarà il riferimento sulla possibilità per l’azienda di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Draghi: «Compiere scelte meditate, ma rapide»

Il governo deve «moltiplicare ogni sforzo». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in un videomessaggio alla conferenza “Verso una Strategia Nazionale sulla parità di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispettare e ascoltare le donne vuol dire lavorare per rendere migliore la nostra società»

«Perché disparità economiche, discriminazioni e violenze sono tutte figlie della stessa radice. Figlie di una mentalità dura a scomparire, che si annida anche nei luoghi…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Myanmar, l’esercito occupa ospedali e università

L’esercito birmano ha occupato diversi ospedali e alcune università, in vista di uno sciopero generale proclamato dai sindacati per protestare contro il golpe del 1°…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia