L’importanza del capitale umano | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’importanza del capitale umano

lavoro_giovani_disoccupazioneLa ripresa c’è, migliora il clima di fiducia di imprese e famiglie, eppure ancora si scorge qualche motivo per non abbassare la guardia. A destare più di una preoccupazione è la condizione dei giovani che secondo uno studio, in Italia più che in altri paesi, resta allarmante. Il quadro che emerge, soprattutto, dal rapporto annuale della fondazione Bertelsmann, è il divario tra il nord e sud d’Europa in termini sociali e di opportunità, mentre si allarga la distanza, per così dire, tra i cittadini più anziani e quelli più giovani.
Entriamo perciò nello specifico. Nel consueto indice elaborato da Bertelsmann l’Italia viene collocata al 25esimo posto su 28 nella classifica della giustizia sociale. Il motivo è presto detto: i giovani hanno difficoltà nel nostro paese a entrare nel mondo del lavoro e ciò dipende soprattutto dall’assenza di formazione ed esperienza sul mercato del lavoro. Una circostanza che potrà avere gravi ripercussioni nel futuro, aggravata dal rischio povertà ed emarginazione sociale che coinvolge circa un terzo dei minori italiani.
La fondazione ricorda i dati sul lavoro che hanno caratterizzato il nostro mercato negli anni della crisi, in sostanza un bilancio drammatico: tasso di disoccupazione quasi raddoppiato l’anno scorso dal 2008; livello occupazionale stabile al 55,7% (un livello basso, che ci colloca al 26esimo posto: solo Grecia e Croazia fanno peggio); l’aumento, a ritmi vertiginosi, della disoccupazione di lunga durata (la condizione di chi è senza lavoro da almeno 12 mesi).
La situazione per i giovani, se possibile, è più preoccupante. Nello stesso arco temporale (2008-2014) la disoccupazione giovanile è più che raddoppiata, passando dal 21,2% al 42,7% (25esimo posto). Dunque, la mancanza di prospettive future per i giovani e il rapido invecchiamento del paese, “obbliga” l’Italia ad occupare le ultime posizioni della giustizia intergenerazionale.
Insomma, il rapporto della fondazione Bertelsmann fornisce alcuni spunti interessanti. Quello della formazione è, in effetti, un tema fondamentale per rilanciare definitivamente il mercato del lavoro. Migliorare le competenze, rinnovate poi durante la vita lavorativa, permetterebbe ai giovani di rendersi più competitivi accrescendo così la competitività delle imprese, che vedrebbero aumentare la propria forza contrattuale sul mercato. Lo scopo è evitare di dissipare il capitale umano.

 

Scrivi una replica

News

Von der Leyen: «Stop all’export dell’AstraZeneca fino a rispetto dei patti»

«Ci aspettiamo che AstraZeneca accresca i suoi sforzi per distribuire di più e mettersi in pari. Questo sarà il riferimento sulla possibilità per l’azienda di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Draghi: «Compiere scelte meditate, ma rapide»

Il governo deve «moltiplicare ogni sforzo». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in un videomessaggio alla conferenza “Verso una Strategia Nazionale sulla parità di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispettare e ascoltare le donne vuol dire lavorare per rendere migliore la nostra società»

«Perché disparità economiche, discriminazioni e violenze sono tutte figlie della stessa radice. Figlie di una mentalità dura a scomparire, che si annida anche nei luoghi…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Myanmar, l’esercito occupa ospedali e università

L’esercito birmano ha occupato diversi ospedali e alcune università, in vista di uno sciopero generale proclamato dai sindacati per protestare contro il golpe del 1°…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia