L’occupazione nelle piccole imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’occupazione nelle piccole imprese

lavoro_impreseGli ultimi dati Istat sul lavoro – in sintesi: cala il tasso di disoccupazione, ora all’11,8%, ma diminuiscono anche gli occupati e aumentano gli inattivi – frenano gli entusiasmi dei mesi scorsi, tuttavia sul fronte occupazionale non mancano segnali positivi da poter sottolineare.
Riguarda l’occupazione nelle piccole imprese. In generale, infatti, la ripresa del ciclo economico aveva favorito l’occupazione soprattutto nelle grandi imprese e quelle che esportano in mercati dove la domanda è più alta. Altrettanto in generale, quindi, le imprese avevano spesso manifestato una certa cautela rispetto alla possibilità di assumere nel breve e medio periodo.
Tuttavia, in particolare grazie all’effetto combinato di decontribuzione e Jobs Act, una lieve, ma significativa, inversione di tendenza si è cominciata a registrare anche tra le piccole imprese. In nove mesi, secondo le stime dell’Osservatorio Mercato del Lavoro, curato dal Centro Studi della Cna (ogni mese viene analizzato un campione di 20.500 micro e piccole imprese), l’occupazione è aumentata del 2,5%, ovvero ad assumere è stata un’impresa su sette (con quasi il 90% di occupazione stabile).
Entrando nel dettaglio dell’indagine si scopre che nel periodo gennaio-settembre 2015 le imprese osservate hanno assunto 27.858 dipendenti (+816 addetti rispetto allo stesso periodo del 2014) mentre le cessazioni hanno riguardato 24.698 lavoratori (-816 sul 2014), con un saldo positivo di 3.160 unità.
Altro elemento positivo, che assolutamente non va trascurato, è il miglioramento (ancora lieve, è il caso però di specificare), dell’occupazione femminile. Stando alle ultime rilevazioni Istat il calo della disoccupazione nell’ultimo mese è determinato prevalentemente dalle donne (-2,3%). Il tasso di disoccupazione maschile resta stabile all’11,3%, mentre quello femminile, seppure più alto, è pari al 12,5%, ma cala di 0,2 punti percentuali.
L’importanza della partecipazione delle donne al mercato del lavoro, anche in termini di aumento del Pil, è cosa ormai nota. Quello che preme sottolineare è il trend al rialzo che coinvolge, in definitiva, l’Europa. Nell’ultimo decennio, come viene osservato in un’indagine del Parlamento europeo sull’occupazione femminile ripresa dal Sole 24 Ore, le donne occupate sono passate dal 55,9% al 59,6% nonostante la crisi. Un incremento che si può spiegare anche con una maggiore propensione alla flessibilità, motivo per cui servono, ad ogni modo, misure più incisive per sostenere l’occupazione femminile.

 

Scrivi una replica

News

Usa 2024, Kamala Harris blinda la nomination

Kamala Harris otterrà la nomination alla prossima convention del Partito democratico, in programma a Chicago a partire dal 19 agosto. Secondo diversi sondaggi – a…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina: il ministro degli Esteri Kuleba è a Pechino, dove incontrerà l’omologo cinese

Il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, è a Pechino su invito del suo omologo cinese Wang Yi. Si tratta della prima missione in Cina…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente, Netanyahu: «Stanno maturando le condizioni per liberare gli ostaggi»

«Le condizioni per liberare gli ostaggi a Gaza stanno maturando». Così il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, incontrando le famiglie dei rapiti, a Washington. Il primo…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cinema, cinque film italiani in corsa alla Mostra di Venezia

Alla 81/a Mostra del cinema di Venezia, in programma dal 28 agosto al 7 settembre, saranno in gara cinque film italiani. Lo hanno annunciato il…

23 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia