Export: inizio d’anno in salita per il Made in Italy | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export: inizio d’anno in salita per il Made in Italy

esportazioniGli ultimi dati Istat relativi al commercio con l’estero confermano il momento non particolarmente esaltante dell’export italiano. Rispetto al mese precedente, infatti, a gennaio 2016 si è registrata una diminuzione del 2,2% (mentre l’import è in calo dello 0,6%). Il saldo commerciale, aggiunge l’Istat, è pari a +35 milioni.
Il crollo è evidente, soprattutto se si pensa ai 5,7 miliardi di surplus di gennaio 2015. Non un’ottima notizia per un paese, il nostro, che negli anni della crisi ha visto crescere il proprio export manifatturiero, vantando un surplus oltre i cento miliardi di dollari (dati Fondazione Symbola). A incidere sul valore di import ed export, in questo caso, sono i prodotti petroliferi.
L’aspetto positivo, semmai, è che nonostante la flessione di gennaio, negli ultimi tre mesi l’export è cresciuto dell’1,5%, con un incremento più ampio per i paesi extra Ue (+2,5%) rispetto a quelli Ue (+0,7%). Ma su base tendenziale il calo delle esportazioni è dell’8% per i paesi extra Ue e dello 0,3% per quelli Ue.
La diminuzione delle vendite di prodotti petroliferi raffinati, quindi, segnano un ribasso del 16,9%, mentre sono in espansione i mezzi di trasporto, esclusi autoveicoli (+5,4%) e computer, apparecchi elettronici e ottici (+3,6%).
I mercati più “ostici” risultano essere Russia (-24,2%) e i paesi Mercosur – Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela, un’area molto colpita dalle difficoltà economiche, soprattutto il Brasile, in profonda recessione – il cui contributo segna una variazione negativa del 18,8%. Anche verso la Cina il trend delle vendite è in calo a doppia cifra (-12%), al contrario verso i Paesi Bassi (+15%) e la Spagna (+9,2%) risulta in crescita.
L’andamento dell’export italiano, ad ogni modo, non è un caso isolato. Con le economie emergenti in frenata e le oscillazioni dei prezzi del petrolio, il commercio sta registrando un generale rallentamento. Altre situazioni, come ad esempio il crollo dell’export verso la Russia, derivano dalle sanzioni internazionali introdotte a seguito di tensioni geopolitiche. La Coldiretti, di recente, ha stimato un drastico calo del 24% nel mese di gennaio rispetto all’anno precedente.
Eppure sono diversi i segmenti del Made in Italy che hanno evidenziato un’impennata negli ultimi anni. Tra questi, sicuramente, l’agroalimentare il cui valore in dieci anni ha fatto segnare un aumento del 79% (solo nel 2015 è stato raggiunto il massimo storico di 36,8 miliardi di euro). Anche l’industria del legno arredo – osserva invece Fondazione Symbola –, con dieci miliardi di euro di surlpus commerciale, colloca il nostro paese al secondo posto nel mondo (dopo la Cina, che presenta un surplus di 80 miliardi di euro). Dietro di noi Polonia (nove miliardi), Messico (sei miliardi) e Vietnam (cinque miliardi).

 

Scrivi una replica

News

Pnrr, Meloni: «Alla sinistra rispondiamo con i fatti»

«Ai catastrofismi di sinistra abbiamo risposto con fatti e risultati». Il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, commenta così la valutazione di medio termine sul Pnrr,…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: «Non siamo in guerra con Mosca, ma non deve vincere»

«Noi lavoriamo per la pace e impedire che ci sia una vittoria della Russia, noi vogliamo una pace giusta che significa il rispetto del diritto…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Caso Assange, attesa per la decisione dei giudici su estradizione

C’è da attendere ancora un po’ prima di conoscere la decisione dei giudici sulla richiesta di estradizione dal Regno Unito agli Usa del cofondatore di…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Guerra a Gaza, Hamas: «Presto possibili progressi nei negoziati»

Progressi nei negoziati sul cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi potrebbero esserci presto. A sostenerlo è stato Musa Abu Marzouk, numero due dell’ufficio…

22 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia