Stati Uniti, il 63% degli americani giustifica la tortura sui presunti terroristi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Stati Uniti, il 63% degli americani giustifica la tortura sui presunti terroristi

Il 63% dei cittadini statunitensi sostiene che la tortura può essere giustificata per estrapolare informazioni da presunti terroristi. Lo rileva un sondaggio Reuters/Ipsos, sottolineando che si tratta di una percentuale simile a quella rilevata da un precedente sondaggio di Amnesty International in Paesi come la Nigeria, dove gli attentati terroristici sono frequenti, e il Kenya. Secondo la rilevazione, condotta on-line tra il 22 e il 28 marzo su un campione di 1.976 americani, solo il 15% degli intervistati sostiene che la tortura non deve essere “mai” utilizzata.

 

Scrivi una replica

News

Ucraina, Di Maio: «L’Italia non pone veti sul sesto pacchetto di sanzioni»

«L’Italia non pone veti» sul prossimo pacchetto sanzionatorio contro la Russia. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, oggi a Bruxelles per il Consiglio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Ingresso di Svezia e Finlandia nella nato sarebbe un grosso errore con conseguenze»

«L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato sarebbe un errore con conseguenze di vasta portata e un cambio radicale dello scenario globale». E’ quanto detto…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Nessun preparativo per colloqui Putin-Biden»

Il vice ministro degli Esteri russo, Sergey Ryabkov, ha reso noto che non è in atto nessun preparativo per un eventuale colloquio tra il presidente…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Borrell: «Su embargo petrolio russo non posso garantire accordo»

«Faremo il massimo per sbloccare la situazione, ma non posso garantire che si arrivi ad un accordo perché le posizioni sono abbastanza forti: il mio…

16 Mag 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia