Come la crisi ha cambiato l’occupazione | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come la crisi ha cambiato l’occupazione

lavoroNonostante l’incremento rilevato dall’ISTAT nel 2015 – secondo l’Istituto di statistica, lo scorso anno gli occupati sono cresciuti dello 0,83% rispetto al 2014 –, in buona parte del Paese l’occupazione risulta inferiore ai livelli del 2007.
Confrontando i dati relativi al 2015 con quelli del 2007, l’ultima analisi del Centro Studi ImpresaLavoro rileva che il numero degli occupati è inferiore rispetto al periodo pre-crisi in 72 province italiane su 110. Con la crescita occupazionale che si concentra principalmente nelle provincie del Centro-Nord e in particolare nelle province di Roma, con 163.110 posti di lavoro in più rispetto al 2007, Milano (+31.207), Firenze (+17.326), Bolzano (+16.744) e Viterbo (+13.302).
Nel Mezzogiorno, le cose prendono una piega diversa: tra tutte le province meridionali, Brindisi è l’unica ad avere un saldo (leggermente) positivo, con 591 posti di lavoro in più rispetto al 2007, mentre Napoli presenta il calo più significativo (-65.460 unità). Il Centro Studi ImpresaLavoro osserva che la crisi economica ha aumentato ulteriormente il divario tra le aree economicamente più avanzate e il Sud del Paese. Difficile sorprendersi, però.
L’ultimo rapporto dello SVIMEZ – l’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno – ha sottolineato l’impatto negativo della crisi economica sulle regioni meridionali, dove sono stati bruciati 576mila posti di lavoro tra il 2008 e il 2015. Un’enormità. Specialmente nel confronto con quanto accaduto nel resto del Paese, dove nel 2015 si contavano 235mila occupati in meno rispetto al 2008. Nel Sud del Paese, il numero degli occupati è sceso fino a 5,8 milioni: il numero più basso dal 1977, ovvero da quando sono disponibili le serie storiche dell’ISTAT.

 

Scrivi una replica

News

Israele-Hamas, l’ottimismo di Biden su tregua non trova ancora sponde

L’ottimismo del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, il quale ha auspicato un cessate il fuoco tra Israele e Hamas entro lunedì è stato presto…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Russia, condannato a due anni e mezzo il dissidente Oleg Orlov

Il tribunale di Mosca ha condannato il dissidente russo Oleg Orlov, già copresidente della fondazione Memorial, premio Nobel per la pace nel 2022, a due…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stoltenberg: «Non ci sono piani per truppe Nato in Ucraina»

«Gli alleati della Nato stanno fornendo un sostegno senza precedenti all’Ucraina. Lo abbiamo fatto dal 2014 e lo abbiamo intensificato dopo l’invasione su vasta scala.…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mar Rosso, Crosetto: «Dai ribelli Houthi una minaccia alla sicurezza tout court»

«Non si tratta più solo della sicurezza dei trasporti navali ma della sicurezza tout court, visto che pare le intenzioni degli Houthi siano quelle di…

27 Feb 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia