In crescita l’uso del bancomat in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

In crescita l’uso del bancomat in Italia

shopping_acquistiNonostante l’introduzione, con la legge di Stabilità 2016, dell’obbligo per commercianti e professionisti di accettare il pagamento con carte di credito e bancomat senza limite di importo, ancora molte attività non si sono munite del POS, andando incontro a sanzioni e contro la volontà della clientela.
Sì, perché secondo una ricerca condotta da Doxa la maggior parte degli italiani intervistati, il 79%, preferirebbe il pagamento con carta elettronica al contante, tanto da essere d’accordo con l’obbligo introdotto con la legge di Stabilità. Ben il 64% è favorevole alle sanzioni in caso di mancato adeguamento alla normativa.
Ad oggi, stando ai dati del centro ricerche, utilizza carte o bancomat frequentemente il 73% degli italiani di cui il 35% almeno tre volte a settimana e il 38% fino a due volte.
L’utilizzo sempre maggiore di carte di credito e bancomat, anche per importi relativamente bassi, ha comportato una diminuzione delle cifra media pagata mediante strumenti diversi dal contante. Secondo l’Osservatorio Carte di credito tale media sarebbe passata dagli 87 euro del 2013 agli 84 del 2014.
Al contrario, però, lo stesso Osservatorio ha registrato anche un aumento delle transazioni effettuate con strumenti elettronici: +6,5%, riportando così un’accelerazione rispetto al +5,4% che ha interessato l’anno precedente.
Per il 2015, sebbene i dati siano ancora parziali, l’Osservatorio ha rilevato una nuova crescita. Le transazioni effettuate mediante carte di credito, nei primi sei mesi dello scorso anno, avrebbero infatti riportato una crescita del 2% rispetto allo stesso periodo del 2014, passando dalle circa 645 milioni di operazioni a 658 milioni.
Bisogna comunque sottolineare che, nonostante gli ottimistici dati diffusa da Doxa, l’Italia è ancora piuttosto indietro rispetto ad altri Paesi europei. Secondo un recente studio in Italia, nel 2014, sarebbero state registrate 38,2 transazioni pro capite, contro le 97,7 della media Ue, i 166 del Regno Unito e i 130 della Francia. Peggio dell’Italia fanno solo Romania e Grecia.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione, Coldiretti: su aumenti frutta e verdura pesa la siccità

La siccità con il taglio dei raccolti spinge l’inflazione nel carrello della spesa con aumenti che vanno dal +10,8% per la frutta al +11,8% della…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, scatta il rinnovo del programma “Roam-like-at-home” fino al 2032

Nell’Unione europea niente roaming a pagamento fino al 2032. Lo prevede il nuovo regolamento Ue che entra in vigore oggi, venerdì 1° luglio 2022, estendendo…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

«Oltre un giovane su due è preoccupato per il futuro»

Si dice «incerto» o «preoccupato» per il proprio futuro, il 52,7% degli adolescenti italiani tra i 13 e i 19 anni. Lo rivela l’indagine nazionale…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ucraina, Stoltenberg: «A Kiev servono armi più pesanti, equipaggiamento più moderno»

All’Ucraina servono «più armi pesanti, equipaggiamento più moderno, che devono essere consegnati più velocemente». Lo ha detto il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, intervenendo nel corso di…

1 Lug 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia