Il 2016 inizia con il segno “più” per il turismo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 2016 inizia con il segno “più” per il turismo

turismo_vacanze_crisiPer il turismo il primo trimestre del 2016 è stato il più importante da almeno tre anni. Un settore che sta risalendo, dopo i tracolli registrati negli anni passati a causa della crisi economica. Un settore caratterizzato poi da una forte spinta occupazionale, smarrita ultimamente, ma che sta ora tornando a creare nuovi posti di lavoro.
Le buone notizie le ha date nei giorni scorsi il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca. Riassumendo: un aumento di presenze del 5,3% (di cui il 6,3% dovuto ai turisti italiani e il 4,3% ai turisti stranieri), una ripartenza delle assunzioni per un incremento dell’1,9%, dopo la tendenza negativa che ha investito il settore turistico negli ultimi cinque anni.
Già nel 2015 erano stati osservati i primi segnali incoraggianti rispetto alle difficoltà evidenziate negli anni più duri della crisi economica. Infatti, le imprese turistiche e commerciali – tra natalità e mortalità – sono risultate in quantità superiore di quelle di altri segmenti.
Fa notare Federalberghi, a tale proposito, che il turismo occupa annualmente 3,1 milioni di unità di lavoro e ha un giro d’affari di 171 miliardi di euro che equivale all’11,8% del Pil. Nonostante sia stato uno dei comparti – in linea con l’intero settore dei servizi – che ha saputo contenere meglio di altri le perdite in termini occupazionali, le difficoltà si sono comunque fatte sentire. La recente inversione del trend, invece, è consistita anche nell’aumento del monte ore lavorato, spesso anche più delle media dei servizi di mercato.
Nello specifico i miglioramenti rilevati nel primo trimestre hanno riguardato presenze e lavoratori occupati. A gennaio si è registrato un +0,8% di presenze (+1% da italiani e +0,6% da stranieri) e un +1,3% di occupati (+3,8% a tempo indeterminato e -3,1% a tempo determinato). A febbraio, invece, la crescita delle presenze è stata pari al 5,8% (+8,1% italiani e +3,1% stranieri), mentre gli occupati sono aumentati del 2,4% (+3,6% indeterminato, -1,3% determinato). A marzo, infine, la variazione positiva delle presenze è stata +5,3% (+9,1% italiani e +7,4% stranieri), mentre l’occupazione ha avuto un incremento del 2,4% (+1,5% indeterminato, +3,6% determinato).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Figliuolo: «A giugno via libera a tutte le età e hub in aziende»

«Giugno deve essere il mese della svolta per dare la spallata definitiva e lasciarci indietro il periodo peggiore». Così il commissario straordinario all’emergenza Covid-19, Francesco…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Fondazione Gimbe: «All’appello mancano 50 milioni di dosi di vaccino»

L’Italia deve ricevere ancora circa 50 milioni di dosi, pari a circa due terzi di quelle previste dal Piano vaccinale per il primo trimestre. Così…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Venezuela, Maduro: «Pronto a incontrare Guaidó»

Il presidente venezuelano, Nicolás Maduro, ha dichiarato di essere «pronto» a dialogare con il leader dell’opposizione Juan Guaidó, con la mediazione dell’Unione europea, della Norvegia…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Medio Oriente: nella notte 130 razzi lanciati da Gaza, Israele replica colpendo oltre 600 obiettivi di Hamas

Nella notte sono stati 130 i razzi lanciati verso Israele. Di questi molti sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome, ha riferito il…

13 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia