Il 2016 inizia con il segno “più” per il turismo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il 2016 inizia con il segno “più” per il turismo

turismo_vacanze_crisiPer il turismo il primo trimestre del 2016 è stato il più importante da almeno tre anni. Un settore che sta risalendo, dopo i tracolli registrati negli anni passati a causa della crisi economica. Un settore caratterizzato poi da una forte spinta occupazionale, smarrita ultimamente, ma che sta ora tornando a creare nuovi posti di lavoro.
Le buone notizie le ha date nei giorni scorsi il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca. Riassumendo: un aumento di presenze del 5,3% (di cui il 6,3% dovuto ai turisti italiani e il 4,3% ai turisti stranieri), una ripartenza delle assunzioni per un incremento dell’1,9%, dopo la tendenza negativa che ha investito il settore turistico negli ultimi cinque anni.
Già nel 2015 erano stati osservati i primi segnali incoraggianti rispetto alle difficoltà evidenziate negli anni più duri della crisi economica. Infatti, le imprese turistiche e commerciali – tra natalità e mortalità – sono risultate in quantità superiore di quelle di altri segmenti.
Fa notare Federalberghi, a tale proposito, che il turismo occupa annualmente 3,1 milioni di unità di lavoro e ha un giro d’affari di 171 miliardi di euro che equivale all’11,8% del Pil. Nonostante sia stato uno dei comparti – in linea con l’intero settore dei servizi – che ha saputo contenere meglio di altri le perdite in termini occupazionali, le difficoltà si sono comunque fatte sentire. La recente inversione del trend, invece, è consistita anche nell’aumento del monte ore lavorato, spesso anche più delle media dei servizi di mercato.
Nello specifico i miglioramenti rilevati nel primo trimestre hanno riguardato presenze e lavoratori occupati. A gennaio si è registrato un +0,8% di presenze (+1% da italiani e +0,6% da stranieri) e un +1,3% di occupati (+3,8% a tempo indeterminato e -3,1% a tempo determinato). A febbraio, invece, la crescita delle presenze è stata pari al 5,8% (+8,1% italiani e +3,1% stranieri), mentre gli occupati sono aumentati del 2,4% (+3,6% indeterminato, -1,3% determinato). A marzo, infine, la variazione positiva delle presenze è stata +5,3% (+9,1% italiani e +7,4% stranieri), mentre l’occupazione ha avuto un incremento del 2,4% (+1,5% indeterminato, +3,6% determinato).

 

Scrivi una replica

News

Cile: ok alla riforma della Costituzione

Il Cile potrebbe adottare una una nuova Costituzione in sostituzione di quella ereditata dall’era di Pinochet, dopo che i cittadini si sono espressi in larga…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, il capo staff della Casa Bianca: «Impossibile controllare la pandemia»

Mentre gli Stati Uniti, registrato un nuovo record giornaliero di contagiati (83.718), il capo staff della Casa Bianca, Mark Meadows, ha affermato che il governo…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Sanzioni ad aziende Usa su vendita delle armi a Taiwan»

«Boeing, Lockheed Martin e Raytheon sono tra le aziende americane finite nella lista delle sanzioni decise dalla Cina su compagnie e individui per la vendita…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Melbourne fuori dal lockdown dopo oltre 100 giorni

Melbourne esce dal lockdown dopo oltre 100 giorni. Nella città australiana per la prima volta da giugno non sono stati registrati nuovi casi di Covid-19.…

26 Ott 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia