Effetto Brexit: l’Eurozona si prepara | T-Mag | il magazine di Tecnè

Effetto Brexit: l’Eurozona si prepara

bceDue scenari: uno prima del referendum britannico, un quadro economico positivo e in risalita; uno dopo, con le banche centrali che si preparano al fine di scongiurare il peggio. A pochi giorni dalla Brexit, infatti, già si comincia a fare i conti con le ripercussioni economiche che coinvolgono il Regno Unito (in misura maggiore) e il resto d’Europa (Ue, ma anche Eurozona nello specifico, in tono minore). Le ultime stime, in ordine di tempo, le ha fornite Standard & Poor’s. Secondo l’agenzia di rating, infatti, il Regno Unito eviterà, “a malapena”, la recessione, ma i rischi sono numerosi. L’impatto negativo previsto è dell’1,2% sulla crescita britannica nel 2017 e dell’1% su quella del 2018.
Anche l’Eurozona ne verrebbe coinvolta, in parte. La ripresa economica in verità proseguirà, ma subirà un impatto negativo dello 0,8% nel 2017 e ancora nel 2018. Questo perché le conseguenze della Brexit si avvertiranno sugli scambi commerciali (che diminuiranno) e sugli investimenti. Tuttavia, sostiene S&P, le mosse della Bce rappresenteranno “un fattore chiave di sostegno”.
La Banca centrale europea sta studiando le misure in caso di necessità e studi approfonditi sui possibili effetti saranno pronti nelle prossime settimane. Intanto la Banca d’Inghilterra, con la sterlina ai minimi, ha deciso di alleggerire i vincoli di capitale imposti alle banche, “liberando” 150 miliardi di sterline per i finanziamenti e facilitando, in questo modo, il credito a imprese e famiglie.
C’è da considerare, ad ogni modo, che gli effetti della Brexit – sul Regno Unito e sull’Eurozona – sono ad oggi imprevedibili in quanto il processo vero e proprio di uscita dall’Ue è appena cominciato e ci vorrà del tempo prima che verrà portato a compimento (in chiave economica la rinegoziazione degli accordi commerciali rappresenterà una priorità), dunque stimarne le conseguenze nel lungo periodo non è operazione semplice e immediata.
L’Eurozona – si legge nella nota mensile dell’Istat – ha chiuso il primo trimestre dell’anno con una crescita congiunturale dello 0,6%. In aprile è tornata a crescere la produzione industriale (+1,1%) mentre l’indice di produzione delle costruzioni ha segnato una variazione negativa (-0,2%), più contenuta rispetto ai due mesi precedenti. L’attività produttiva in risalita ha influito positivamente l’andamento del mercato del lavoro, con il tasso di disoccupazione al 10,1%, il livello più basso dal 2011.
Inoltre, segnali di stabilità sulle prospettive di crescita dell’area arriverebbero anche dagli indicatori anticipatori del ciclo economico, ma come suggerisce l’Istituto nazionale di statistica non va sottovalutato che le indagini si sono svolte prima del referendum nel Regno Unito. Non sono da escludere, insomma, revisioni sulle stime.

 

Scrivi una replica

News

Israele, no della Knesset alla creazione di uno Stato palestinese

Dalla Knesset è arrivato l’ok alla risoluzione che respinge la possibilità di creazione di uno Stato palestinese. «Non c’è pace né sicurezza per nessuno senza…

18 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mosca: «Russia mai stata minaccia per nessuno nell’UE»

«La Russia non è mai stata una minaccia per nessuno all’interno dell’Unione europea e in Ucraina stiamo difendendo semplicemente i nostri interessi in una situazione…

18 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Onu: Entro 60 anni la popolazione mondiale raggiungerà i 10,3 miliardi di persone

Entro 60 anni, la popolazione globale toccherà il picco, passando dagli attuali 8,2 miliardi di persone a 10,3 miliardi. Lo sostiene l’ultimo rapporto “World Population…

18 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »

Energia, le rinnovabili hanno superato le fonti fossili

Nel primo semestre del 2024, in Italia, la produzione elettrica da fonti rinnovabili è cresciuta del 27,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, superando la…

18 Lug 2024 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia