Perché la crescita è a rischio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Perché la crescita è a rischio

spesa_consumi_famiglieÈ l’incertezza economica a minare la crescita dell’Eurozona e dell’Italia in particolare. Il Fondo monetario internazionale prevede di abbassare le stime relative al nostro paese a causa della maggiore volatilità dei mercati finanziari, a sua volta in parte provocata dalla uscita del Regno Unito dall’Ue. La verità è che gli effetti della Brexit, le possibili ripercussioni economiche, sono ancora difficili da quantificare. Pertanto è l’insicurezza a caratterizzare l’attuale fase. A subirne le conseguenze, come già osservato dall’Istat, potrebbero essere gli investimenti, che verrebbero così ridotti.
Ma i rischi vanno ricercati al di là della Brexit, cioè al contesto internazionale, al rallentamento del commercio mondiale e alla debolezza della domanda, nonostante la risalita comunque registrata negli ultimi tempi. Nello specifico, a giugno, l’Italia resta in deflazione, con quest’ultima che accelera rispetto al mese precedente.
A giugno, insomma, l’indice nazionale dei prezzi ha registrato un aumento dello 0,1% su base mensile, ma la diminuzione su base annua è dello 0,4% mentre era dello 0,3% a maggio, confermando così le stime preliminari e la fase deflattiva che rimane stabile: si tratta del quinto mese consecutivo di calo annuo per l’inflazione.
La debolezza della domanda di beni e servizi è la prima causa della deflazione, che porta i consumatori a rinviare gli acquisti in quanto l’abbassamento dei prezzi incentiva l’accumulo di liquidità nell’attesa che scendano ancora. Un potenziale freno, quindi, alla piena ripresa dei consumi anche se, è il caso precisare, al netto dei beni energetici (-7,5% rispetto a giugno 2015), l’inflazione resta positiva, seppure in leggera flessione (+0,4%).
Nell’Eurozona l’inflazione resta molto bassa, tuttavia in miglioramento grazie alle politiche monetarie espansive della Bce. L’inflazione, infatti, a giugno nei paesi dell’Eurozona è tornata positiva allo 0,1%, dopo la lieve flessione dello 0,1% a maggio.
Ad ogni modo, sottolinea ancora l’Istat nell’Eurozone Outlook (in collaborazione con il tedesco Ifo e il francese Insee), dall’inizio del 2015 il livello dei prezzi nell’Eurozona si è mantenuto su livelli minimi condizionato dalla debolezza della domanda globale e dalla caduta dei prezzi del petrolio. L’accelerazione dell’attività economica e la recente ripresa del prezzo del petrolio suggeriscono un graduale incremento nell’inflazione.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, ISS: «In Italia la prevalenza della variante Delta è al 94,8%»

«In Italia al 20 luglio scorso la prevalenza della cosiddetta “variante Delta” di SARS-CoV-2 era del 94,8%, in forte aumento rispetto alla survey del 22…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Antigone: «Nelle carceri italiane il sovraffollamento è al 113,1%»

Le carceri italiane sono sovraffollate. A denunciarlo è l’associazione Antigone nel suo ultimo rapporto, evidenziando un problema che affligge il nostro Paese da molto tempo.…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Green Pass, Lamorgese: «I controlli verranno implementati»

«Green Pass? I controlli ci sono sempre stati ma ora verranno implementati». Così la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervenendo a margine del Comitato sicurezza e…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Costa: «Presumibilmente si arriverà ad una terza dose di vaccino»

«In base alle evidenze scientifiche è presumibile che si arriverà a una terza dose, si tratta di capire quale sarà la scadenza per effettuarla». Lo…

30 Lug 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia