Lavoro: i giovani i più svantaggiati | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: i giovani i più svantaggiati

Anche la componente femminile presenta non poche difficoltà, diminuiscono le donne occupate e aumentano quelle inattive

disoccupazione_giovanile_lavoroI dati dell’Istat su occupati e disoccupati a luglio, stavolta non particolarmente positivi, riflettono una situazione poco lusinghiera per i giovani, al di là del rialzo del tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni), ora pari al 39,2%, in aumento cioè di due punti percentuali rispetto al mese precedente. Considerando che l’Istituto nazionale di statistica puntualizza, come di consueto, che dal calcolo del tasso di disoccupazione giovanile sono per definizione esclusi i giovani inattivi, vale a dire coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi (è allora l’incidenza dei giovani disoccupati tra i 15 e i 24 anni che deve interessarci, pari al 10,4%), a destare maggiore preoccupazione sono le classi di età immediatamente successive.
Se tra gli over 50 l’occupazione aumenta ancora, il tasso di occupazione a luglio cala tra i 25-34enni (-0,4 punti percentuali), mentre rimane stabile nella classe 35-49 anni. Di contro, tra i 25-34enni, aumenta il tasso di disoccupazione (+0,5%), tanto su base congiunturale che su base tendenziale.
In valori assoluti, se consideriamo le variazioni tendenziali (quindi da luglio 2015 a luglio 2016), risultano persi 145 mila posti di lavoro nella fascia centrale 25-49 anni, quella che in altre parole dovrebbe rappresentare lo zoccolo duro della forza lavoro: diecimila posti in meno tra i 25-34enni, 135 mila tra i 35-49enni.
Oltre ai più giovani, sono le donne a mostrare i principali svantaggi. Nella sua nota l’Istat osserva che il calo degli occupati registrato a luglio è attribuibile a entrambe le componenti, maschile e femminile, ma per quest’ultima il trend si avverte in maniera più consistente.
In generale in calo risultano essere anche i disoccupati (-39 mila), ma c’è da tenere in considerazione l’aumento – non indifferente – degli inattivi (+53 mila; gli inattivi sono le persone che l’Istat non classifica come occupate o in cerca di occupazione). Nella componente femminile il trend è ancora più marcato: sono -51 mila quelle occupate a fronte di un aumento di 52 mila unità nella categoria degli inattivi.

 

Scrivi una replica

News

Censis: «600mila poveri in più. Covid peggiore il tenore di vita»

Dal rapporto Censis-Tendercapital emerge che «cinque milioni di italiani hanno difficoltà a mettere in tavola un pasto decente, 7 milioni e 600mila hanno avuto un…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, una persona su cinque ha disturbi psichiatrici dopo la diagnosi

Circa una persona su cinque ha disturbi psichiatrici tra 14 e 90 giorni dopo la diagnosi di Covid-19. A rivelarlo uno studio condotto dal Dipartimento…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Movimento 5 stelle, pubblicato il documento di sintesi degli Stati generali

Il Movimento 5 stelle ha pubblicato sul “Blog delle Stelle” il documento di sintesi degli Stati generali del movimento che si sono conclusi la scorsa…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Libia, Italia e altri Ue: «Misure contro chi ostacola la pace»

«Francia, Germania, Italia e Regno Unito hanno ribadito oggi il loro pieno sostegno al processo guidato dalle Nazioni Unite per dare alla Libia nuove istituzioni…

23 Nov 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia